16 ottobre 2019
Aggiornato 14:00
Fondamentalismo islamico

Nigeria, i leader mondiali condannano gli attacchi alle Chiese

Una dura condanna è giunta dal ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi: «Si tratta di episodi orrendi. Esprimo la più ferma condanna per questi vili attentati che rappresentano un attacco ai principi universali di civiltà»

ROMA - La comunità internazionale ha condannato duramente gli attentati di ieri in Nigeria contro alcune chiese rivendicati dal gruppo islamista Boko Haram, che hanno fatto almeno 40 morti. Come riporta il sito web della BBC, la Casa Bianca ha detto che gli attacchi sono «violenza senza senso», mentre per il governo di Londra sono atti «vili». Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha espresso «la sua simpatia e le sue condoglianze al popolo della Nigeria» e ha chiesto «la fine di tutte le violenze settarie nel paese», ha detto un suo portavoce.

Una dura condanna è giunta anche dal ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi: «Si tratta di episodi orrendi - ha commentato il ministro. Esprimo la più ferma condanna per questi vili attentati che rappresentano un attacco ai principi universali di civiltà».
«L'Italia - ha proseguito Terzi -, da sempre in prima linea nella difesa della libertà di fede e nella promozione del dialogo e della tolleranza interreligiosi, continuerà ad assicurare il proprio massimo impegno, anche nel quadro dell'azione dell'Unione europea , affinchè in Nigeria come altrove i principi della convivenza interreligiosa e del rispetto della libertà di culto vengano rispettati e difesi attivamente».