14 giugno 2024
Aggiornato 12:00
Appello ai leader mondiali: andate di persona a vertice

Copenaghen, «vogliamo svolta, non fallimento»

Lettera aperta pubblicata sul Financial Times a firma di numerose associazioni ed organizzazioni internazionali

COPENAGHEN - «Copenaghen: abbiamo bisogno di una svolta, non di un fallimento». Un'altra lettera aperta ai world leaders campeggia stamane su un'intera pagina del Financial Times, stavolta a firma di numerose associazioni ed organizzazioni internazionali.

«I dati scientifici e statistici sono inequivocabili: stiamo correndo verso uno scenario disastroso. E' divenuto imperativo per la nostra sopravvivenza un'azione urgente», si legge nel testo, che punta il dito sui grandi riuniti a Copenaghen: «La scelta è nelle vostre mani, gli occhi del mondo sono puntati su di voi» . E ricorda come le organizzazioni firmatarie rappresentino milioni di persone.

Per questo si chiede ai leader mondiali di andare a Copenaghen di persona il 18 dicembre; di siglare un accordo onesto, ambizioso e legalmente vincolante; di garantire che le emissioni nocive raggiungano il vertice massimo entro otto anni per poi diminuire per evitare cambiamenti climatici irreversibili; di aiutare finanziariamente i paesi in via di sviluppo e proteggere le loro popolazioni.