20 agosto 2019
Aggiornato 23:00
L'ad dell'istituto di credito assicura

UniCredit vuole crescere in Germania, ma senza acquisizioni

L'amministratore delegato del gruppo, Federico Ghizzoni, in un'intervista all'Handelsblatt ha escluso l'ipotesi di uno spin-off

MILANO (askanews) - Il gruppo UniCredit, attraverso la controllata Hvb, intende crescere in Germania, ma non mediante acquisizioni. E non è interessato a Postbank. Lo ha spiegato in occasione dell'Handelsblatt Conference a Francoforte l'amministratore delegato del gruppo, Federico Ghizzoni, che in un'intervista all'Handelsblatt ha peraltro escluso ipotesi di uno spin-off o di un'Ipo della controllata tedesca, come ha invece deciso di fare Deutsche Bank con Postbank per rafforzare il proprio capitale.

Nessun lancio di una Ipo per Hvb
«No, non abbiamo in programma uno spin-off o il lancio di una Ipo per Hvb", ha affermato Ghizzoni nell'intervista. «Sarebbe chiaramente un errore; dopo tutto Hvb è una banca forte all'interno della più forte economia europea. Non sarebbe dunque logico per noi lasciare questa regione», ha aggiunto. «Invece, il nostro piano per Hvb è di crescere. Vogliamo investire in Germania", ha affermato.

In Ucraina vende la controllata Ukrosotsbank
Diversa la situazione in Ucraina, dove UniCredit intende cedere la controllata Ukrosotsbank. Ghizzoni ha ricordato che è stata firmata una lettera di intenti con la russa Alfa Group. Alla domanda se l'operazione potrebbe causare una perdita per UniCredit, l'ad del gruppo ha replicato: «Non prevediamo alcun impatto negativo sul nostro capitale. Per quanto riguarda le possibili implicazioni per il nostro conto economico, bisogna attendere l'esito dei negoziati».