24 agosto 2019
Aggiornato 13:00
Decine di feriti

Messico: piattaforma offshore si inclina, due morti

Ennesimo incidente a largo della costa dello Stato messicano sudorientale di Campeche a bordo di una infrastruttura petrolifera della Pemex. Un mese fa nelle stesse acque morirono 4 operai per un'esplosione a bordo di un impianto della stessa società

CITTÀ DEL MESSICO – Ennesimo incidente a largo della costa dello Stato messicano sudorientale di Campeche a bordo di una piattaforma petrolifera di servizio, di proprietà della Pemex. Due operai sono morti, ha riferito l'Agenzia governativa Petroleos Mexicanos, e altri 10 sono rimasti feriti dopo che la struttura si è inclinata, ha spiegato Grupo Salinas, la società che opera per conto di Pemex nell'area attraverso la sua controllata Typhoon Offshore.

ESCLUSO LO SVERSAMENTO DI GREGGIO IN MARE - A bordo si trovavano un centinaio di lavoratori, che sono stati evacuati, mentre i media locali hanno parlato di almeno 28 impiegati feriti. Secondo Pemex e Grupo Salinas non vi sarebbero state fuoriuscite di greggio in mare, a parte il diesel contenuto nella piattaforma che «potrebbe essere stato sversato», ha spiegato un portavoce di Pemex. Un mese fa un incendio a bordo dell'impianto offshore Abkatun Permanente, sempre di proprietà della Pemex provocò un'esplosione che uccise 4 lavoratori e ne ferì altri 45. Secondo Greenpeace Messico in quell'occasione ci fu una fuoriuscita di petrolio, che causò una marea nera estesa per 4 chilometri e spessa pochi millimetri.