21 ottobre 2020
Aggiornato 09:00
Gli effetti della crisi in Ucraina

Putin: «Visa e Mastercard perderanno quote di mercato»

Il Presidente russo: Le autorità russe non hanno intenzione di «punire» i sistemi di pagamento internazionali, ma questi sistemi «hanno minato la loro credibilità», con il rifiuto di provvedere ai loro servizi per i clienti di alcune banche russe

MOSCA - Le autorità russe non hanno intenzione di «punire» i sistemi di pagamento internazionali Visa e MasterCard, ma questi sistemi «hanno minato la loro credibilità», con il rifiuto di provvedere ai loro servizi per i clienti di alcune banche russe. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin a un forum a San Pietroburgo.«Sicuramente perderanno mercato,» ha detto.
Gli Stati Uniti per l'unione della Crimea alla Federazione russa ha imposto sanzioni contro vari esponenti russi, compresa la banca Rossia. Nelle sanzioni era previsto che Visa e MasterCard smettessero di effettuare le transazioni dei clienti di questa Banca e a un certo numero di sue affiliate.

La Banca centrale di Mosca ha revocato le licenze a due banche russe. A cadere sotto la scure del regolatore la National Bank Business Development che partecipava al sistema di assicurazione dei depositi ed era 223esima tra le banche russe in termini di attività a partire dal primo aprile.
L'altra banca di Mosca sarebbe il Credito locale, che a partire da oggi, non sarà più in grado di condurre operazioni bancarie.r> L'istituto rientra nei primi ottocento enti di credito in Russia in termini di attività, ma non è parte del sistema di assicurazione dei depositi.