6 giugno 2020
Aggiornato 21:00
Spending review

Cottarelli al lavoro: «Proposte in primavera»

Punta a superare il target 3,7 mld. Primo taglio è al suo stipendio

ROMA - Arriveranno in primavera le prime proposte di mister Spending review, Carlo Cottarelli. Il nuovo commissario nominato dal governo è al lavoro da una settimana al ministero dell'Economia e con il suo staff passerà subito all'opera, con una revisione a 360 gradi della spesa pubblica. Già per il 13 novembre presenterà il piano operativo al governo e poi al Parlamento. L'orizzonte del suo lavoro è di tre anni, ma risultati concreti dovrebbero arrivare prima. Con l'obiettivo di superare il target di risparmi per 3,7 miliardi al 2015 indicato nella legge di stabilità. Il primo taglio, intanto, è arrivato al suo stipendio.

Cottarelli lavorerà con un gruppo di una decina di persone, tutto personale della pubblica amministrazione, senza costi aggiuntivi per lo Stato. Dovrà contare anche su una collaborazione continua con i ministeri, mentre una presenza importante nella sua attività sarà quella della Ragioneria dello Stato. L'ex top manager del Fondo monetario internazionale, inoltre, punta a coinvolgere altre istituzioni importanti come la Corte dei conti, l'Istat, la Banca d'Italia e personalità del mondo accademico.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal