20 maggio 2019
Aggiornato 17:00
Banche | Scandalo derivati MPS

MPS, il CDA esprime sconcerto per la strumentalizzazione da parte dei politici

Così il Consiglio di Amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena, riunito oggi in seduta ordinaria, reagisce alle tante dichiarazioni e polemiche sulla vicenda dello scandalo dei derivati

SIENA - «Sconcerto» per le esternazioni di molti politici e serenità nella «consapevolezza di aver avviato un percorso di discontinuità e profondo risanamento». Così il Consiglio di Amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena, riunito oggi in seduta ordinaria, reagisce alle tante dichiarazioni e polemiche sulla vicenda dello scandalo dei derivati. «Prendendo atto delle continue esternazioni da parte di numerosi personaggi pubblici ed esponenti politici tese a strumentalizzare le vicende legate all'emissione dei Nuovi Strumenti Finanziari - si legge in una nota - il Cda esprime il suo profondo sconcerto per la leggerezza con la quale viene trattato il tema della ricapitalizzazione della Banca».

Anche la vicenda della ristrutturazione del portafoglio titoli, continua il comunicato, avviata su iniziativa di MPS stessa e non da soggetti terzi, viene descritta con toni e termini assolutamente inappropriati che ingenerano nel pubblico e nel mercato una percezione di instabilità e di rischio che non sussiste alla luce della piena e normale operatività della Banca.

MPS ribadisce quindi quanto già comunicato in precedenza, ovvero che la necessaria richiesta del supporto pubblico ai fini dell'EBA capital exercise si riconduce prevalentemente alla crisi del debito sovrano che ha ridotto il valore del portafoglio titoli di stato Italiani detenuti dalla Banca, e solo in misura minore anche all'attività di verifica ancora in corso sulle operazioni Alexandria, Santorini e Nota Italia di cui tutti parlano. Si sottolinea anche che il miglioramento dello spread riduce il deficit di capitale per il quale il supporto è richiesto.

Inoltre, come evidenziato in precedenza, tale richiesta di supporto pubblico garantisce in modo inequivocabile l'adeguato presidio patrimoniale della Banca e quindi usare termini impropri quali «crac» o «fallimento», evidentemente privi di ogni fondamento, con riferimento a MPS, danneggia i clienti, i dipendenti, gli azionisti e tutti gli stakeholder della Banca stessa.

Il Consiglio di Amministrazione di BMPS - conclude la nota - è sereno e consapevole di aver avviato, attraverso il nuovo Management, un percorso di discontinuità e profondo risanamento che porterà al pieno rilancio della Banca.