17 luglio 2019
Aggiornato 01:00
La crisi dell'econimia greca

Atene ottimista sulla ripresa del dialogo con i creditori dell'IIF

Lo scopo è quello di trovare un accordo con i creditori privati del Paese per cancellare circa 100 miliardi di crediti allo scopo di far scendere il debito del Paese balcanico al 120% del Pil dall'attuale 160%

ATENE - C'è ancora ottimismo ad Atene su di una conclusione rapida delle trattative per un accordo che porti alla cancellazione parziale del debito della Grecia con i creditori privati, con i quali i negoziati sono ripresi oggi nella speranza di portare risultati concreti al vertice europeo di lunedì.
Una riunione è cominciata poco dopo le 19 italiane presso la sede del governo greco tra Charles Dallara, capo della della lobby bancaria internazionale IIF, il suo collega Jean Lemierre consigliere della banca francese BNP Paribas da un lato e il premier greco Lucas Papademos, e il suo ministro delle Finanze Evangélos Vénizélos dall'altra.

Terza giornata di negoziati - L'incontro avvia di fatto una terza tornata di negoziati tra l'IIF e il governo greco dopo l'interruzione alla metà di gennaio. Lo scopo è quello di trovare un accordo con i creditori privati del Paese per cancellare circa 100 miliardi di crediti allo scopo di far scendere il debito del Paese balcanico al 120% del Pil dall'attuale 160%. Per verificare se l'accordo sarà compatibile con tale obiettivo, i Paesi dell'eurozona e il Fondo monetario internazionale procederanno a una nuova analisi che prenda in considerazione i parametri concordati tra Atene e i creditori, ha detto una fonte del ministero delle Finanze.