14 giugno 2024
Aggiornato 07:00
La crisi del debito

Tremonti e Juncker: creare agenzia UE per emettere bond

E' questa la proposta lanciata dalle colonne del Financial Times. Berlino: servono «cambiamenti importanti» dei trattati UE

BRUXELLES - L'Europa deve dare una risposta «forte e di sistema alla crisi», lanciando gli «E-bond», le obbligazioni sovrane europee, attraverso un'Agenzia europea del debito (Eda). E' questa la proposta lanciata dalle colonne del Financial Times dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti e dal premier lussemburghese Jean-Claude Juncker, che presiede l'eurogruppo, il consiglio dei ministri delle finanze europee, che si riunisce oggi a Bruxelles.
Tremonti e Juncker chiedono che l'Agenzia venga creata entro il mese di dicembre, in occasione del Consiglio europeo, con il mandato di «raggiungere gradualmente un ammontare di emissioni equivalente al 40% del Prodotto interno lordo dell'Unione europea e di ciascun Stato membro».

BERLINO: «CAMBIAMENTI IMPORTANTI» - Tuttavia, il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble, nominato dal Ft il ministro delle Finanze dell'anno e intervistato oggi dal quotidiano finanziario, ritiene che siano necessari «cambiamenti importanti» dei trattati europei prima di arrivare a emettere bond. Secondo il ministro tedesco, inoltre, è essenziale che i governi si impegnino a mantenere i conti a posto, sotto pena di sanzioni: «Altrimenti, l'euro fallirebbe».
Posizioni contrastanti che alimenteranno il dibattito, sottolinea il Ft, sulle misure necessarie per ripristinare la fiducia degli investitori nell'unione monetaria europea, giunta al suo 12 anno di vita.