24 maggio 2024
Aggiornato 07:00
Dall’Annuario Economico del Veneto 2010-2011

Volkswagen Group Italia spa in testa in Veneto

Fotografati i settori produttivi dominanti: regge l’Alimentare, in flessione Edilizia, Legno e Vetro

VENEZIA - Prosegue l’analisi economica del «Centro Studi Economico e Finanziario ESG89» sui bilanci d’esercizio delle società di capitali nelle varie regioni italiane. La prestigiosa raccolta degli Annuari Economici d’Italia racchiude al proprio interno una serie di screening volti a mettere in evidenza le ‘Best Companies’ italiane e a fornire le notizie di rilievo sul relativo andamento economico.
Sono state esaminate 3000 Società di Capitali, con Fatturato superiore ai 3 mln di euro, che operano in Veneto. Il volume quest’anno è stato tradotto anche in inglese per la diffusione estera.
Dalla lettura degli ultimi bilanci disponibili si evince una inevitabile contrazione del volume d’affari quasi per tutti i settori, infatti solo il 45% del campione esaminato ha visto crescere il proprio Fatturato nel corso dell’ultimo anno. Si riscontra una condizione più positiva per quanto concerne invece il risultato d’esercizio, dato che la percentuale di società che hanno chiuso l’ultimo bilancio in Utile è pari al 72%.

L’analisi realizzata indica VOLKSWAGEN GROUP ITALIA Spa come primo Gruppo industriale della regione, con un Fatturato pari a 5.248.469.000 euro. Tra le realtà più performanti, invece, troviamo il colosso della Gdo SPESA INTELLIGENTE Spa.
Il Gruppo di San Martino Buon Albergo in provincia di Verona, grazie ad un incremento che si attesta intorno al 21% riesce a superare gli 80 mln di Fatturato, 815.913.678 euro per la precisione.
Si sono distinte, inoltre, per i risultati conseguiti anche DE' LONGHI Spa di Treviso: il valore della produzione passa in un solo anno da 211.172.000 a 649.481.000 euro, mentre per quanto concerne gli Utili, si è passati da un risultato di esercizio di 2.913.000 a 26.936.000 euro. Facendo una disamina sui comparti rappresentativi dell’economia regionale, si scoprono tutta una serie di realtà che in controtendenza con il contesto generale hanno ottenuto risultati encomiabili. Ad esempio, nel comparto Combustibili ed Energia si distingue su tutti BUSSINELLO PRODOTTI PETROLIFERI Spa di Verona, che con un valore della produzione pari a 352.950.775 euro ed un Trend positivo di Fatturato del 138% rappresenta ormai un punto di riferimento per tutto il comparto.

Per quanto concerne il settore Edilizia, oltre al capofila IMPRESA di COSTRUZIONI ING. E. MANTOVANI Spa di Venezia, 503.921.808 euro il giro d’affari (+20%), si sono distinte COVECO CONSORZIO VENETO COOPERATIVO (131.187.335 euro) con un Trend positivo di crescita del 7% e la veronese INTERPART Srl 128.578.762 (+137%).

Nel settore Alimentare, riscontriamo buone performance in termini di Fatturato e redditività anche per PASTIFICIO RANA Spa, BAULI Spa e GRANDI MOLINI ITALIANI Spa. La prima con un giro d’affari di 260.675.346 euro realizza una crescita congiunta del valore della produzione (+10%) e dell’Utile Netto (+59%). Sono lievitati sensibilmente anche per BAULI Spa i ricavi nel 2008. L’azienda di Castel d’Azzano (VR) ha aumentato, nell’ultimo esercizio, il proprio core business del 15% conseguendo un Fatturato di 274.961.681 euro; GRANDI MOLINI ITALIANI Spa, invece, ha concretizzato un volume d’affari di 346.630.000 euro con un incremento del 22% rispetto all’esercizio precedente.

Per quanto concerne il settore Vini, Distillati e Bevande, che in Veneto rappresenta una delle maestrie assolute, si distinguono, per l’incremento di Fatturato conseguito, SAN GABRIELE Spa che con un valore della produzione pari a 57.157.016 euro ha realizzato una crescita del 147%, allo stesso modo, CONTRI SPUMANTI Spa di Cazzano di Tramigna (VR), 47.608.986 euro il giro d’affari (+62%) e CASA VINICOLA BOTTER CARLO Spa di Fossalta di Piave (VE), 83.919.184 euro di Fatturato e 25% di incremento. Bene anche DISTILLERIA ZANIN Srl (14.512.569 euro) con una crescita dell’11% e ENOLOGICA VASON Srl (19.144.166) con un Trend positivo pari all’8%.

Anche nel comparto Legno-Arredamento e in quello del Vetro, che più di ogni altro settore hanno risentito degli effetti funesti prodotti dalla crisi economica, è possibile rinvenire alcune realtà che hanno, comunque, saputo difendersi dalla spirale di recessione innescatasi ormai quasi due anni fa. Su tutte troviamo MEDIA PROFILI Srl, con un Trend positivo del 16% a fronte di un volume d’affari pari a 175.564.336 euro; interessante anche lo score di ARPER Spa, +27% l’incremento ottenuto su un valore della produzione pari a 33.332.224 euro e da FAVERO HEALTH PROJECTS Spa. L’azienda trevigiana, che opera dal 1954 nel settore della fornitura di arredamenti per ospedali, cliniche e comunità, ha fatto registrare ricavi per 22.793.371 euro con un Trend positivo del 13%. Infine, per quanto riguarda il settore del Vetro, che più di ogni altro comparto soffre a causa della caratteristica artigianalità che lo contraddistingue, ma che in questa terra vanta una tradizione di lungo corso, si sottolineano i risultati conseguiti da NUOVA OMPI Srl, VENETO VETRO Srl. La prima realizza un +17% su un valore della produzione di 99.722.230 euro, mentre VENETO VETRO Srl implementa il proprio giro d’affari (5371268 euro) del 21%.