7 luglio 2020
Aggiornato 12:00
I pacchetti salva energia e i nuovi utilizzi di antiche fonti: terra, sole e acqua

Il risparmio energetico è … di casa a Casa Moderna

Ancora due giornate per visitare la grande vetrina della casa e dell’abitare: domani (domenica 5) e lunedì 6 ottobre a Udine Fiere

È una casa accogliente, ricca di opportunità, intelligente e attenta al risparmio energetico e alla qualità della vita  e dell’ambiente quella che a Udine Fiere attende ancora per due giornate (domenica 5 e lunedì 6 ottobre) i «nuovi abitanti» dello spazio domestico di oggi e di domani.  Casa Moderna è pronta all’allungo finale della 55^ edizione che si è contraddistinta per gli intensi e particolareggiati scambi di informazioni dentro gli stand, per i proficui contatti commerciali, per l’appeal suscitato dalle ultime tendenze del design e per le numerose innovazioni nel comparto dell’edilizia eco compatibile, una delle protagoniste indiscusse delle nuove tendenze abitative che, nel «cuore bio» di Casa Biologica al padiglione 8 e nella sinergia espositiva esterna proposta dalle aziende riunite nel progetto Casanova, ha trovato un palcoscenico di primo piano per esporsi e farsi conoscere dal grande pubblico.

Le nuove frontiere dell’autonomia energetica sono infatti …di casa… a Casa Moderna, dove  la concretezza dell’esposizione di prodotti e materiali si completa con opportunità di conoscenza e approfondimento di tematiche che evidenziano il rapporto tra edificio abitativo e tessuto urbano. Se ne è parlato anche oggi (sabato 4 ottobre) nel convegno curato da Casambiente «La mia Casa è la mia Città – la partecipazione sostenibile» e se ne parlerà ancora nelle prossime due giornate, dentro gli stand delle aziende tra le novità presentate dagli espositori di Casa Biologica e non solo.

Alcuni esempi: le nuove frontiere del riscaldamento geotermico presentate dall’azienda Haus Idea (padiglione 8) consentono, attraverso delle pompe di calore inserite nel terreno, di prelevare l’energia geotermica rilasciandola all’interno dell’abitazione eliminando completamente il ricorso a combustibili tradizionali. Convogliando i vapori provenienti dalle sorgenti d’acqua del sottosuolo verso apposite turbine adibite alla produzione di energia elettrica e riutilizzando il vapore acqueo si crea infatti un’energia pulita ed inesauribile.

La ricerca di una fonte di energia pulita è l’obbiettivo principale anche del Progetto Biocostruire (padiglione 2), che in Fiera spiega come risparmiare energia attraverso degli innovativi «pacchetti» per lo sfruttamento domestico delle energie rinnovabili; proposte che, uniti al design d’interni, danno la possibilità a qualunque abitazione di essere autonoma energicamente. I pacchetti Sani ed Integra sono in grado, attraverso l’energia termica, solare e del legno, di ottenere un risparmio tra il 50% e il 60% sul totale annuale di costi di combustibile (fonte A.I.BI.M. Associazione Italiana Biocostruire Mediterraneo per un’abitazione media di 120mq) dando l’autonomia dalle fonti non rinnovabili rispetto all’energia termica. Zero, il terzo pacchetto presentato, è in grado di offrire autonomia sia dall’energia termica che dall’energia elettrica attraverso un apporto cospicuo di energia solare, con un risparmio netto pari all’80%. Il sistema solare termico infatti, può garantire il 90% dell’energia necessaria per il riscaldamento dell’acqua e un integrazione dal 40% al 60% al riscaldamento, ed il sistema solare fotovoltaico grazie al sistema di scambio sul posto garantisce il 100% del fabbisogno energetico dell’abitazione, senza dimenticare che tutti i costi sostenuti per il solare termico e il termo camino a biomassa possono essere detratti al 55% dall’IRPEF ed il solare fotovoltaico da accesso agli incentivi del Conto Energia strumento per creare reddito dall’energia prodotta.

Al tema dell’energia solare sarà dedicato l’ultimo convegno di Casa Moderna in programma domani (domenica 5 ottobre) alle 17.00 in sala Convegni a cura dell’azienda espositrice Solar Systems dal titolo «Energie pulite: sole e acqua» rivolto al cittadino, ma anche alle Amministrazioni Comunali, Provinciali e Regionali per illustrare le potenzialità di nuovi strumenti e nuove modalità di approccio per lo sfruttamento consapevole e intelligente di quelle che sono le fonti  più antiche di energia presenti sul pianeta. Un argomento che guarda in avanti confrontandosi anche con le mutate e particolari condizioni climatiche che caratterizzano il pianeta: per quanto riguarda l’Italia, secondo uno studio della Commissione Europea, per la sua posizione geografica con elevato irraggiamento, fra soli 7 anni avrà il prezzo dell’energia solare pari alla metà di quello pagato da una famiglia media. Un investimento per il futuro quindi, supportato dalle sempre nuove tecnologie sviluppate, affiancate da diverse normative che offrono interessanti contributi d’installazione.