20 ottobre 2019
Aggiornato 04:30
Un'altra via per diversificare le fonti del Vecchio continente

La Bulgaria trova un altro alleato per Nabucco: l'Iran

Teheran ha proposto a Sofia di implementare le relazioni bilaterali in campo energetico, prospettando di rendere il Paese un hub del gas, e promettendo forniture fino a 70 miliardi di metri cubi l'anno.

Spostarlo da San Foca significherà ritardi di 2 anni

L'ipotesi Nabucco non spaventa la Tap Ag

Le dichiarazioni del primo ministro bulgaro Boiko Borisov sulla volontà di Sofia di rilanciare il gasdotto, non preoccupano la società che sta costruendo il «concorrente» Trans Adriatic Pipeline. «Non vediamo nessuna intenzione di disturbo al nostro progetto» dice al DiariodelWeb.it il portavoce Luigi Quaranta.

Sofia: Non siamo più disposti a servire i soli interessi di UE e NATO

Bulgaria e Azerbaijan vogliono «scongelare» Nabucco

Il progetto di gasdotto abbandonato nel 2013 a favore del Trans Anatolian pipeline (Tanap, che dovrebbe collegarsi con il Trans adriatic pipeline, Tap, con destinazione finale in Italia) è stato resuscitato oggi dal primo ministro bulgaro Boiko Borisov, che ha ricevuto a Sofia il presidente azero Ilham Aliyev.

Mercato del gas

Sotto la pressione degli USA la Bulgaria blocca il gasdotto South Stream

Come si può costringere una nazione ad accettare una decisione che va contro i suoi interessi? Washington sa bene come si fa. Per l’ennesima volta il governo di Sofia ha annunciato che tutti i lavori nell’ambito della costruzione del gasdotto South Stream saranno sospesi.