7 aprile 2020
Aggiornato 10:30
Cinema USA

Donald Trump deride l'Oscar dato al film Parasite: «Ridateci Via col vento»

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha criticato l'assegnazione dell'Oscar 2020 per il miglior film a Parasite, un film sudcoreano: «Ci sono stati dei problemi con la Corea del Sud»

Il Presidente americano, Donald Trump
Il Presidente americano, Donald Trump ANSA

NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha criticato l'assegnazione dell'Oscar 2020 per il miglior film a Parasite, un film sudcoreano. Durante una manifestazione per la sua rielezione a Colorado Springs, in Colorado, Trump ha chiesto incredulo alla folla: «Quanto ha fatto male l'Academy quest'anno? Ci sono stati dei problemi con la Corea del Sud, con il commercio. E per di più, le danno il titolo di miglior film dell'anno?». Una miscela di thriller, commedia familiare e satira sulla disuguaglianza sociale, Parasite, del regista sudcoreano Bong Joon-ho, è il primo lungometraggio in una lingua diversa dall'inglese a vincere il riconoscimento principale a Hollywood. Trump ha lasciato intendere di non aver visto il film. «È stato giusto?» Non lo so», ha esclamato, Potete ridarci Via col vento?».

Neil Young attacca Trump: «Sei una vergogna per il mio Paese»

«Sei una vergogna per il mio Paese». Parola di Neil Young che, ora che è diventato cittadino americano, ha scritto una lunga e sprezzante lettera aperta diretta a Trump, pubblicata sul sito web Neil Young Archives. «Il modo in cui distruggi insensatamente le nostre risorse naturali, il nostro ambiente e i nostri rapporti con gli amici di tutto il mondo, tutto ciò è imperdonabile... Il nostro primo presidente nero era un uomo migliore di te», scrive Young.

Il cantautore, inoltre, è particolarmente infastidito dal fatto che Trump utilizzi la sua canzone Rockin' in the Free World durante i comizi. Young ha spesso chiesto di non usare il suo brano, pur ammettendo di non avere alcun appiglio legale per impedire al presidente di farlo. «Non è una canzone che si può cantare a uno dei suoi comizi», afferma Young. «Ogni volta che Rockin' in the Free World o una delle mie canzoni viene suonata ai vostri raduni - continua - spero che sentiate la mia voce. Ricordate che è la voce di un cittadino americano che paga le tasse e che non vi sostiene. Io».

Ben Affleck ha lasciato Batman per non tornare a bere

Ben Affleck ha rivelato i veri motivi per cui ha deciso di lasciare The Batman. In un'intervista pubblicata dal New York Times, l'attore e regista premio Oscar ha dichiarato che la lotta con l'alcol, il divorzio da Jennifer Garner e le difficoltà sul set di Justice League lo hanno spinto ad abbandonare il ruolo di Bruce Wayne. Il matrimonio di Affleck con Garner è terminato nel 2018 dopo una lunga separazione. «Ho mostrato a qualcuno il copione del film», ha raccontato Affleck al Times. «E mi hanno detto: 'La sceneggiatura è buona, ma penso anche che berrai fino a crollare, se attraverserai un altro periodo come quello che hai appena passato'».

Affleck ha spiegato che «beveva relativamente nella norma, ma poi ha perso il controllo. «Ho iniziato a bere sempre di più quando il mio matrimonio stava andando in pezzi », ha raccontato. «Provi a stare meglio mangiando, bevendo, facendo sesso, giocando d'azzardo, facendo shopping o altro», ha rivelato l'attore. «Ma tutto questo finisce per peggiorarti la vita. Quindi fai di più per far sparire quel disagio. E inizia il vero dolore. Diventa un circolo vizioso che non puoi interrompere. O almeno è quello che mi è successo». L'attore ha interpretato Batman tre volte: in Batman vs Superman: Dawn of Justice, Justice League, e in Suicide Squad, dove ha fatto solo un cameo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal