7 dicembre 2019
Aggiornato 01:00

Un Bordeaux è il miglior vino del mondo del 2019. Terzo un Chianti classico

Solo un vino francese poteva succedere al Sassicaia 2015, miglior vino del mondo 2018. È stato infatti svelato il nuovo numero 1 di Wine Spectator

Un Bordeaux è il miglior vino del mondo del 2019. Terzo un Chianti classico
Un Bordeaux è il miglior vino del mondo del 2019. Terzo un Chianti classico ANSA

MILANO - Per il secondo anno consecutivo un vino Gallo Nero si aggiudica il terzo posto nella classifica mondiale E' un Chianti Classico 2016 a essere incoronato di alloro da Wine Spectator, al terzo posto della Top 100, la classifica annuale dei migliori vini del mondo redatta da una delle redazioni più importanti oltreoceano. Per la denominazione è un bis: già lo scorso anno il Chianti Classico Riserva 2015 di Castello di Volpaia aveva raggiunto lo stesso risultato. Questa volta è stato premiato il Chianti Classico della Fattoria San Giusto a Rentennano, del felice e simbolico millesimo 2016: la trecentesima vendemmia da quel 24 settembre 1716 in cui Cosimo III de' Medici delimitò con lungimiranza la zona di produzione dell'odierno Chianti Classico DOCG.

Questo di Wine Spectator è un riconoscimento che giunge al termine di un anno ricco di successi per il Gallo Nero, riconosciuto dalla critica italiana e internazionale come uno dei vini migliori del Bel Paese, e capace di stupire piacevolmente chi avrà la pazienza di attenderne l'evoluzione in bottiglia nei prossimi anni. La Guida del Gambero Rosso che attribuisce gli ambiti Tre Bicchieri, come punteggio massimo, ha premiato 24 Chianti Classico, un record nello storico della denominazione, ma anche un record in ambito regionale: il Gallo Nero distacca nettamente i suoi colleghi toscani e arriva secondo a livello nazionale nell'edizione 2020, dietro al solo Barolo che vede premiate solo un'etichetta in più.

Best Italian Wine Awards

Sulle colonne di Gazzetta dello Sport la classifica dei Best Italian Wine Awards premia una Gran Selezione di Castellina in Chianti, vendemmia 2014, a dimostrazione del fatto che anche in annate meno fortunate, i produttori del Gallo Nero hanno saputo mantenere con coerenza il loro impegno verso la qualità. Oltre un terzo delle corone della Guida del Touring Club «Vinibuoni d'Italia», specializzata in vitigni autoctoni, va al Chianti Classico (16 etichette su 45 premiate in Toscana), evidenziando la forte identità del Chianti Classico fedele alle sue radici. Daniele Cernilli, alias Doctor Wine, firma la guida Guida Essenziale ai Vini d'Italia, tra cui figura la Barone Ricasoli come azienda dell'anno e moltissimi Chianti Classico tra i 98 e i 95 punti. Dieci le aziende produttrici di Chianti Classico premiate con la Chiocciola di Slow Wine, su 32 in Toscana.

Anche all'estero la vendemmia 2016 del Chianti Classico ha convinto in modo unanime la critica, che la premia come annata di grande eleganza e armonia, anzi, addirittura viene definita un punto di riferimento con cui misurarsi in futuro (A modern day benchmark, Antonio Galloni). Sebbene i punteggi più alti (pari o superiori ai 95 punti) siano per lo più attribuiti ai vini Gran Selezione, non mancano anche vini Riserva o annata in cima alle classifiche di Antonio Galloni di Vinous.com (10 etichette con punteggi pari o superiori ai 95 punti), Monica Larner di Wine Advocate (31 etichette), James Suckling (31 etichette) e Bruce Sanderson di Wine Spectator (11 etichette). Come è d'uso sulle riviste americane, sono indicati per ciascuna etichetta il periodo migliore per degustarla - e il Chianti Classico è unanimemente riconosciuto come vino capace di lunghi invecchiamenti. Il Chianti Classico può ben dirsi quindi la denominazione più premiata del panorama toscano, con un medagliere a livello internazionale ancora più ricco.