30 marzo 2020
Aggiornato 06:00
Formula 1 | Gran Premio di Cina

Ferrari già pronta al ritorno in pista: a Shanghai per il tris

Dopo aver vinto le prime due gare del campionato di fila (come non succedeva dal 2004), Sebastian Vettel ora cerca conferme nella terza, quella della verità

SHANGHAI – In meno di una settimana si cambia completamente scenario: dal deserto roccioso del Bahrein alla metropoli di Shanghai. Dopo la vittoria di Sakhir, la Scuderia Ferrari raggiunge la Cina. La maggior parte della squadra è partita a inizio settimana, alcuni raggiungeranno Shanghai passando prima da Maranello. E a casa torna anche Francesco Cigarini, dopo l’infortunio capitatogli nel pit stop di domenica scorsa. L’operazione alla gamba sinistra è andata bene, adesso per lui inizia la convalescenza. Shanghai e Sakhir hanno una cosa in comune, probabilmente l’unica: sono entrate entrambe in calendario nello stesso anno, il 2004 (e tutte e due con un successo della Scuderia, rispettivamente per Rubens Barrichello e Michael Schumacher). Per il resto sono diverse non solo nella posizione ma anche nel tracciato. Quello cinese tende a sollecitare molto di più le gomme anteriori, inducendo al sottosterzo. Ma lo Shanghai International Circuit (modellato sull’ideogramma cinese Shang, che significa «puntare verso l’alto») ha anche uno dei rettilinei più lunghi di questo mondiale, con i suoi 1200 metri, per cui saranno parametri importanti anche la velocità massima e l’utilizzo del Drs.

Pneumatici col salto
Logisticamente parlando, è una gara abbastanza complicata, e non solo per essere la seconda in altrettante domeniche. Il circuito è piuttosto lontano dal cuore della città, dove si trovano quasi tutti gli alberghi, e spesso bisogna calcolare un’ora di traffico prima di vedere in lontananza le grandi tettoie a foglia di loto che caratterizzano l’impianto disegnato da Hermann Tilke. Il tempo non è mai molto, ma la città meriterebbe una visita, con la sua impronta curiosamente occidentale, derivante dal fatto di avere ospitato da sempre concessioni straniere, calata nel contesto di una megalopoli cinese. E a proposito di tempo: il cielo da queste parti è sempre grigio, causa smog, ma potrebbe esserlo ancora di più per qualche pioggia nel fine settimana, in particolare venerdì e sabato. Una variabile in più nella scelta delle gomme, che qui salteranno una mescola: a disposizione, infatti, medie a banda bianca, morbide gialle e ultrasoft marcate viola.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal