25 aprile 2019
Aggiornato 05:30
Moto3 | Gran Premio di San Marino

Fenati: «Dovizioso Mondiale? Gli chiedo l'autografo!»

Il pilota ascolano del team Snipers è in lotta per il campionato della serie inferiore (anche se con ben 66 punti di distacco dal capolista Joan Mir). E, in MotoGP, tifa per il suo connazionale Andrea, in testa alla classifica iridata: «Se vincesse la Ducati con un pilota italiano sarebbe speciale»

MISANO ADRIATICO – Romano Fenati arriva al suo Gran Premio di casa a Misano in piena lotta per il Mondiale Moto3, anche se la sua strada è resa ardua da un avversario temibile come il capolista Joan Mir che vanta ben 66 punti di vantaggio su di lui: «Potrebbe essere facile o complicato – risponde ai microfoni del Diario Motori – Fatto sta che bisogna pensare gara per gara, non al campionato. Adesso arriva Misano, un circuito bellissimo con un'atmosfera speciale e tanto tifo per noi piloti italiani. Sono molto contento e speriamo di fare molto bene». Ma la stagione fin qui ha dimostrato che può lottare per la vittoria ad ogni gara: «Sicuramente partiamo molto motivati e per cercare di fare il meglio possibile. Poi, se dai il 100% e arrivi ultimo, va bene lo stesso, significa che più di quello non si poteva fare. Guardiamo al risultato, ma la cosa più importante è divertirsi ed essere sereni».

Esperienza e affiatamento
A giocare a favore dell'ascolano c'è la sua lunga esperienza nella classe inferiore: «L'esperienza fondamentalmente si vede quando serve: se ci sono condizioni particolari o situazioni strane, nella reazione mentale ai problemi che puoi incontrare. Mi ha più aiutato nella messa a punto della moto che nello svolgersi delle gare. Mi fossilizzo meno sui limiti della moto e cerco più io di adattarmi, così io faccio un passo in avanti e la moto ne fa due». Ma ad aiutarlo è stato anche l'ottimo feeling che ha trovato con il team Snipers: «Mi trovo bene: alle gare siamo molto seri, fuori ci divertiamo molto».

Moto2 e MotoGP
Tanto che nel 2018 è già confermato il suo salto di categoria in Moto2, sempre con addosso i colori della stessa squadra: «Siamo entusiasti: la famiglia Fenati e il team. Ci aspettiamo che come quest'anno il clima sia buono, ma non grandi risultati: partiamo da zero e vogliamo arrivare a cento, il che significa che per noi è solo una crescita. L'obiettivo è disputare un buon campionato e migliorare gara dopo gara». Intanto, dal basso verso l'alto, Romano osserva la MotoGP con un italiano in testa alla classifica iridata: «Non voglio dire niente – conclude Fenati – Non faccio il tifo per un singolo pilota ma per l'Italia: che sia Valentino, Dovizioso, o Petrucci che va molto molto forte, a me va bene tutto. Però sai, se vincesse la Ducati con Dovizioso... sarei molto contento. Sarebbe veramente molto speciale, gli chiederei l'autografo!».