21 ottobre 2020
Aggiornato 03:30
Motosport

La lettera di Toto Wolff: «Lo sport ci può unire anche ora»

Dopo Chasea Carey, presidente della F1 e Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna arriva sui social network della Mercedes la lettera di Toto Wollf, presidente esecutivo del team: «Supereremo questa sfida»

Toto Wollf, presidente esecutivo del team Mercedes
Toto Wollf, presidente esecutivo del team Mercedes ANSA

LONDRA - Dopo Chasea Carey, presidente della F1 e Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna arriva sui social network della Mercedes la lettera di Toto Wollf, presidente esecutivo del team. «Strano pensare che la nuova stagione, dopo mesi senza F1 per la pausa invernale, era quasi cominciata dopo mesi di duro lavoro» comincia. «Le corse sono intrattenimento e noi le prendiamo davvero seriamente perché le amiamo. Ma nella situazione che stiamo vivendo questo non è così fondamentale. Lo è la salute e il benessere dei tifosi, dei membri delle squadre e della società tutta».

«In quanto team e sport dobbiamo fare di tutto per mettere al sicuro e contrastare la diffusione del virus. Supportiamo a pieno la decisione presa ieri e continueremo a lavorare con FIA, F1, i promotori locali e gli altri team per trovare delle soluzioni per lo sport nei prossimi mesi. A marzo e aprile, le fabbriche di tutti i team saranno chiuse per un periodo di tre settimane. Anticipata la pausa estiva, alcuni fine settimana di agosto potranno essere usati per disputare le gare rinviate e speriamo possano essere ricche di azione. Ovviamente, noi ci assicureremo del benessere dei nostri colleghi durante quelle settimane impegnative».

Per Toto Wolff «lo sport non è solo in grado di intrattenerci, ma anche di unirci. Molti di noi hanno incredibili ricordi di gare viste in tv oppure nei circuiti con famiglie o amici. In queste settimane, saremo uniti restando lontani, ognuno nelle proprie case e lontani dal pubblico; non con degli incontri di persona, ma con delle videochiamate o via social. Nelle prossime settimane o mesi, dovremo adattarci a nuove sfide, ma le approcceremo con la stessa energia e determinazione che impieghiamo in pista». Infine l'appello: «per favore, restate al sicuro, seguite i consigli degli esperti e assicuratevi di mantenere le giuste distanze, lavate le mani come raccomandato».

La Dorna scrive ai piloti: «Tornerà tutto come prima»

«Ora più che mai dobbiamo essere consapevoli delle nostre responsabilità e sostenerci a vicenda, seguendo le restrizioni e le raccomandazioni delle autorità a beneficio di tutti noi». Lettera aperta di Carmelo Ezpeleta, ad della Dorna, la società che gestisce la Motogp inviata a tutto il circus delle due ruote. Ezpeleta ha preso lo spunto dal week end del gp di Thailandia che era in programma da oggi sul circuito di Buriram e che invece è saltato a causa della pandemia da coronavirus. Ai piloti, ai tecnici, agli appassionati, il numero uno della Dorna scrive che «questo virus ha impedito al mondo di girare per un periodo di tempo indefinito, ma siamo sicuri che torneremo alla nostra vita quotidiana e ne usciremo ancora più forti di prima. È una pausa provvisoria e voglio inviare a tutti un messaggio di fiducia e calma in questa situazione».