28 gennaio 2021
Aggiornato 02:00
Formula 1 | Gran Premio di Francia

Sabato pasticciato per Vettel, ma lui punta alla gara: «La Ferrari va forte»

Qualche errore nell'ultimo giro di qualifica fa perdere a Sebastian la prima fila a vantaggio delle Mercedes: in griglia è soltanto terzo. Nessun dramma, però

LE CASTELLET – La pioggia ha risparmiato le qualifiche di oggi al Paul Ricard, ma le impressioni di fine giornata sono diverse per i piloti della Scuderia Ferrari, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Mentre il primo si è assicurato il terzo posto sulla griglia di partenza per domani, il secondo non è riuscito ad ottenere un risultato migliore della sesta posizione per via di alcuni errori commessi nel suo ultimo tentativo. Ad ogni modo, il passo della SF71H è apparso incoraggiante durante le simulazioni di gara del venerdì e la gara potrebbe avere delle sorprese in serbo per i nostri piloti. Nel frattempo vale la pena sottolineare che cinque motori Ferrari su sei sono entrate nella fase finale delle qualifiche di oggi.

Vettel in crescita
«Durante la sessione – ha spiegato Seb – stavo migliorando e la mia fiducia aumentava. Penso che oggi possiamo essere contenti della terza posizione raggiunta. Il mio ultimo giro non è stato fantastico e non credo che fosse abbastanza per ottenere la prima fila. Dopo la mia prima tornata ho pensato di potermi avvicinare di più alle Mercedes e ho sperato di migliorare. Ma, purtroppo, nel mio ultimo tentativo ho spinto un po’ troppo ed ho commesso errori in diversi punti. Tuttavia, la macchina va bene e lo ha dimostrato. Vediamo cosa accadrà domani, visto che partiremo con strategie diverse per quanto riguarda gli pneumatici. Penso che la monoposto sarà forte in gara».

Raikkonen insoddisfatto
Kimi, d’altro canto, non è soddisfatto del risultato ottenuto: «Oggi la macchina andava bene e tutto sembrava filare liscio in qualifica, fino al mio ultimo tentativo. Poi non sono riuscito a mettere insieme un giro per tutta la fase finale. La prima tornata era andata abbastanza bene, ma poi sono finito un po’ di traverso nella curva 11 e ho perso tempo e da lì non sono più riuscito a migliorare. Per domani abbiamo scelto la strategia che pensiamo sia migliore per noi. In altre gare abbiamo visto strategie differenti per le gomme e questo non ha cambiato radicalmente le cose. Di certo domani sarà una giornata impegnativa».