29 marzo 2020
Aggiornato 21:30
Formula 1

Vettel contro Hamilton, si prepara la rivincita nel 2018

Le tre disastrose trasferte asiatiche hanno compromesso la stagione della Ferrari, ma non cancellano l'enorme passo avanti compiuto dalla Scuderia rispetto all'anno scorso: «Sono sulla strada giusta, nel prossimo campionato sarà grande battaglia», giura l'ex ferrarista Gerhard Berger

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel Ferrari

ROMA – Si può guardare il lato negativo, e farsi prendere dalla delusione per le ultime, disastrose trasferte asiatiche che hanno fatto precipitare Sebastian Vettel a 59 punti di distacco dal leader del Mondiale Lewis Hamilton. Oppure si può pensare positivo, e mettere l'accento sull'enorme miglioramento che la Ferrari è riuscita a compiere nell'arco di soli dodici mesi, tanto da essere capace di lottare ad armi pari con l'imbattibile Mercedes per buona parte della stagione. Ecco, tra coloro che sono pronti a dare comunque un voto alto all'annata del Cavallino rampante c'è un grande ex come Gerhard Berger, al quale le prestazioni viste finora non hanno lasciato amarezza, ma al contrario speranza in un pronto riscatto nel prossimo campionato. «Vettel non dovrebbe sentirsi un perdente dopo il 2017 – ha dichiarato l'ex pilota austriaco, già a Maranello tra gli anni '80 e '90, alla rivista specializzata tedesca Auto Bild – La Ferrari ha compiuto un salto in avanti gigantesco dalla scorsa stagione e ha messo la Mercedes sotto pressione molto più del previsto. Sono sulla strada giusta. Nel 2018 ci sarà una grande battaglia tra Hamilton e Vettel, che entrambi partiranno da un palmares di quattro titoli mondiali». L'errore, semmai, è stato quello di cercare di strafare: «Forse anche la stessa Ferrari è rimasta sorpresa da quanto bene stesse andando e si è messa addosso troppa pressione. Se aumenti il ritmo dello sviluppo troppo oltre i piani originali, allora cresce anche il rischio che si originino dei difetti».

Giù il cappello
Ad applaudire la crescita repentina della Rossa è anche una tifosa rivale come Susie Wolff, anche lei ex pilotessa ma soprattutto moglie del team principal della Mercedes, Toto. La 34enne inglese ritiene addirittura che Seb non sia del tutto tagliato fuori dalla volata iridata: «Dal mio punto di vista, Vettel è stato solo sfortunato – ha sostenuto davanti alle telecamere di Sky Italia – La Ferrari ha una macchina molto veloce e immagino che la corsa al titolo rimarrà aperta fino alla fine. Se si considera quando fosse lontana la Ferrari l'anno scorso, è riuscita a ribaltare davvero la situazione. Sarà un finale molto interessante, perché un paio dei circuiti che ci aspettano non sono favorevoli alla Mercedes, e si adatteranno meglio alla Ferrari. Non è come l'anno scorso, quando il risultato era piuttosto chiaro, perciò credo che vedremo una grande battaglia». In compenso, anche Hamilton è pronto a portarea casa il suo Mondiale numero quattro: «Lewis è molto rilassato in questa stagione, si vede che si sta godendo la battaglia con la Ferrari. Negli ultimi anni ha sempre corso contro il suo compagno di squadra, che è una situazione difficile. Ora è nel suo miglior momento di forma».

La Ferrari di Sebastian Vettel in azione
La Ferrari di Sebastian Vettel in azione (Ferrari)

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal