26 maggio 2020
Aggiornato 04:30
MotoGP

Valentino Rossi lascia l'ospedale: «Torno in pista prima possibile»

Il Dottore ha trascorso la notte successiva alla sua operazione riposando nella sua camera, poi alle 10 di stamattina ha ottenuto il via libera dei medici per rientrare a casa. Il chirurgo parla di «30-40 giorni» per il rientro in moto, ma lui vorrebbe accelerare i tempi per essere pronto già ad Aragon

Valentino Rossi
Valentino Rossi Yamaha

ANCONA – Gli è bastato trascorrere una notte agli Ospedali riuniti Torrette di Ancona, dove giovedì è stato operato per ridurre le fratture alla gamba destra, perché le condizioni fisiche di Valentino Rossi migliorassero a sufficienza per ottenere il via libera a lasciare l'ospedale. Dopo una notte di riposo, insomma, il Dottore è stato dimesso stamattina alle 10, accompagnato dal suo staff sulla carrozzina, ed è tornato a casa, dove proseguirà il suo recupero. «Ho passato una notte tranquilla – ha raccontato il fenomeno di Tavullia – Ho dormito e stamattina mi sentivo bene. I medici mi hanno visitato e mi hanno dato l'ok per tornare a casa, dove potrò riposarmi ancora meglio. Inizierò la riabilitazione il più presto possibile e vedrò come reagirà il mio fisico prima di prendere qualsiasi decisione. Devo ringraziare ancora una volta tutto lo staff degli Ospedali riuniti di Ancona, ma anche del pronto soccorso e del 118 di Urbino, così come tutti gli amici che sono venuti a visitarmi. Come ho detto già ieri, farò tutto ciò che potrò per tornare in pista il prima possibile».

Un mese di stop... o no?
Il dottor Raffaele Pascarella, il direttore dell'unità operativa ortopedia e traumatologia che ha operato il campione della Yamaha, continua a ribadire la sua diagnosi: «In 30-40 giorni potrebbe tornare a gareggiare – ha spiegato – Poi ognuno ha i propri tempi. Ha alcuni dolori ma sta bene. La frattura è stabile, dipende dalla sua capacità deambulatoria e dal dolore che proverà. Le gambe servono per andare in moto e poter gareggiare ad alti livelli. Quando tornerà non lo so: la palla di cristallo non me l'hanno ancora consegnata. Con Rossi abbiamo parlato di lui e del suo recupero, non del suo lavoro». Logica, dunque, vorrebbe che Vale si ripresentasse sulla griglia di partenza solo per il Gran Premio del Giappone. Ma il nove volte iridato morde il freno e vorrebbe cercare di accelerare ulteriormente i tempi del suo rientro: dopo aver già provato a muovere qualche passo ieri, infatti, il suo piano, secondo quanto rivela oggi la Gazzetta dello sport, sarebbe quello di tentare di correre già ad Aragon, il 24 settembre prossimo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal