Calcio | Nazionale

Milan, arrivano conferme: la Cina sblocca gli investimenti all’estero

Le indiscrezioni sono sempre pił numerose e convergono tutte su un punto: la stretta decisa dal governo di Pechino sull’esportazione di capitali cinesi all’estero sta per finire. Business Insider parla gią di settembre. Una notizia che sbloccherebbe i finanziamenti raccolti da Li Yonghong, rendendo il Milan ancora pił potente.

Un'immagine del colosso cinese Huarong
Un'immagine del colosso cinese Huarong (ANSA)

MILANO - C’è stato il rischio, e concreto, che l’intera impalcatura messa in piedi dal neo presidente del Milan Li Yonghong saltasse per l’improvviso e francamente inatteso giro di vite del governo di Pechino sulla fuoriuscita di capitali cinesi verso l’estero. Una mossa che di fatto ha bloccato alla frontiera tutti i capitali messi insieme dall’imprenditorie di Hong Kong, costretto poi, grazie al prezioso contributo di Marco Fassone, a ricorrere al prestito sanguinoso al fondo Elliott per completare l’acquisizione del club rossonero.

Il ruggito di Huarong
Oggi, a distanza di poco più di 100 giorni dal closing, arriva un’ulteriore indiscrezione che va a sommarsi a tutte le altre raccolte negli ultimi tempi e che potrebbe regalare un sorriso gigantesco ai trepidanti tifosi rossoneri: «Ancora poche settimane, poi, i tifosi milanisti potranno sentire quello che chiamano il «ruggito di Huarong» - questo si legge oggi su Business Insider Italia, portale di riferimento per news di tecnologia, finanza, mercati e management -. Il prossimo 30 settembre finirà la stretta sugli investimenti esteri che come nota Alberto Rossi, analista del Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina, nel primo semestre del 2017 ha provocato una contrazione del 45,8% delle transazioni internazionali: 48,19 miliardi di dollari contro gli 88,86 dello stesso periodo del 2016. Insomma a meno di sorprese dell’ultimo minuto, dal primo ottobre i cinesi potranno tornare a invadere i mercati internazionali con la loro liquidità».
È quanto sperano vivamente i tifosi rossoneri, l’euforia di questi primi mesi di proprietà cinese è destinata a durare a lungo.