25 febbraio 2020
Aggiornato 14:00
Calcio | Inter

Spalletti: «Felice di allenare l'Inter»

In partenza da Malpensa per incontrare Zhang Jindong: «La firma? Tutto a posto ci siamo dati la mano, siamo quelli all'antica che fanno le cose con una stretta di mano». Ausilio: «Abbiamo sempre pensato a Spalletti». Intanto gli interisti piangono per la scomparsa di Giuliano Sarti.

Luciano Spalletti, nuovo tecnico interista
Luciano Spalletti, nuovo tecnico interista ANSA

MILANO - «Sono felice di essere allenatore dell'Inter. I tempi si allungano un po', dovremo fare una conferenza stampa». Luciano Spalletti è partito per la Cina, destinazione Nanchino, per incontrare Zhang Jindong, il grande capo di Suning, e Walter Sabatini coordinatore tecnico del Suning Sports Group. «Facciamo le cose all'antica - ha detto alla partenza - Sabatini è una bella persona ed è anche capace nella sua professione, così diventa facile. Ha rispetto e qualità. La firma? Tutto a posto ci siamo dati la mano, siamo quelli all'antica che fanno le cose con una stretta di mano».

AUSILIO: ABBIAMO SEMPRE PENSATO A SPALLETTI - «I fatti parlano chiaro. Non abbiamo mai parlato, abbiamo solo pensato e l'unica cosa a cui abbiamo pensato era portare Spalletti all'Inter»: lo dice il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio, poco prima di partire da Malpensa per raggiungere Nanchino insieme all'ex allenatore della Roma, al dg Giovanni Gardini e Steven Zhang. «Appena c'è stata la possibilità di portare avanti questa cosa - aggiunge Ausilio - l'abbiamo resa fattibile. Non è ancora ufficiale ma tutto va in questa direzione, facciamo in modo che l'Inter riparta subito per presentarsi alla grande». Nelle prossime ore Spalletti conoscerà Zhang Jindong, proprietario dell'Inter, prima di tornare a Milano e firmare un contratto biennale da 4 milioni di euro a stagione. «Partiamo insieme - spiega Ausilio - perché vogliamo presentare l'allenatore dell'Inter alla proprietà, una cosa semplice, il minimo che si possa fare». Sul futuro di Ivan Perisic, invece, il ds nerazzurro non si sbilancia: «Non abbiamo parlato ancora di nulla».

L'INTER PIANGE GIULIANO SARTI - E' morto all'età di 83 anni Giuliano Sarti storico portiere della Fiorentina e della Nazionale italiana. Nato a Castello d'Argile (Bologna) il 2 ottobre 1933, è considerato tra i migliori portieri italiani di sempre, numero uno della Grande Inter di Herrera. Ha giocato con Centese, Bondenese, Fiorentina, Inter e Juventus; ha 8 presenze in Nazionale. Ha vinto 2 Coppe dei Campioni, 2 Coppe Intercontinentali, 1 Coppa delle Coppe, 3 scudetti, una Coppa Italia.