20 ottobre 2019
Aggiornato 18:00

Marco Melandri migliore delle Ducati: è lui l'anti-Kawasaki a Donington

Macio fa meglio del suo compagno di squadra Chaz Davies nella prima giornata di prove libere sul circuito inglese, piazzandosi subito dietro al terzetto di moto giapponesi: «Giornata positiva, siamo partiti con il piede giusto e la Panigale R ha funzionato bene immediatamente»

Marco Melandri in azione nelle prove libere a Donington
Marco Melandri in azione nelle prove libere a Donington Ducati

DONINGTON – Il team Ducati è tornato in pista a Donington (Regno Unito), teatro del sesto round del campionato mondiale Superbike 2017. In condizioni meteo particolarmente calde rispetto al tipico clima inglese (con circa 25 gradi nell’aria e oltre 40 sull’asfalto) Marco Melandri e Chaz Davies hanno disputato le consuete sessioni di prove del venerdì lottando stabilmente nella top five, guadagnando entrambi l’accesso diretto alla Superpole 2. Terzo in mattinata su un tracciato che lo ha visto trionfare in due occasioni in Superbike, Melandri ha chiuso la giornata in quarta posizione nella classifica combinata, a 413 millesimi dal miglior tempo provvisorio di 1:27.740. «È stata una giornata positiva per noi – conferma Macio – Siamo partiti con il piede giusto questa mattina e la Panigale R ha funzionato bene da subito. Al pomeriggio abbiamo provato alcune modifiche; alcune hanno dato buoni riscontri, altre meno. Dobbiamo mettere insieme tutti i pezzi del puzzle e trovare un buon compromesso per domani, perché è difficile essere al 100% sia nella parte veloce che in quella lenta e la pista è piuttosto accidentata nonostante i lavori di riasfaltatura. Sarà una gara combattuta, con tanti piloti veloci e l’aggiunta dell’incognita meteo. Dobbiamo farci trovare pronti».

Davies insegue
Davies, quarto al mattino, ha limato due decimi ai propri riferimenti nella seconda sessione facendo registrare il quinto tempo assoluto, a soli 13 millesimi dal compagno di squadra. «È stata una giornata tutto sommato positiva, non siamo troppo lontani dai primi ma dobbiamo lavorare sulla stabilità in modo da migliorare le sensazioni in sella e poter fare traiettorie leggermente diverse – spiega il gallese – I tratti della pista che sono stati riasfaltati sono migliori rispetto agli anni passati, ma in corrispondenza con le giunture l’asfalto è piuttosto sconnesso. Dobbiamo sistemare alcuni dettagli qua e là per essere più costanti sul passo. Stiamo lavorando sul bilanciamento ed alcuni accorgimenti a livello di elettronica. Inoltre, monteremo un motore più fresco per domani e questo dovrebbe darci un altro paio di decimi». Il team Ducati tornerà in azione a partire delle 9:05 di sabato per la terza ed ultima sessione di prove libere in vista di Superpole e gara-1 (partenza fissata alle ore 15 locali).