28 giugno 2017
Aggiornato 15:30
Calcio - Serie A

Milan, il pronostico di Montella: «Arriveremo in Europa»

La grande prestazione dei rossoneri contro il Palermo consolida le convinzioni di mister Montella: «Noi in Europa, a prescindere dall’Inter». E c’č anche spazio per rispedire al mittente le sirene giallorosse.

Mister Montella durante la partita contro il Palermo
Mister Montella durante la partita contro il Palermo (ANSA)

MILANO - «Ero ottimista prima e lo sono ancora di più ora. La lotta è ardua e ci sono grandi avversarie, probabilmente si risolverà all’ultima domenica, ma sono convinto che arriveremo in Europa». Le parole di mister Montella a fine partite lasciano poco spazio all’interpretazione. Ma si tratta di una convinzione profonda - per altro ribadita anche dopo il mezzo passo falso di Pescara - non certo un’analisi «drogata» dai quattro gol appena rifilati al modestissimo Palermo. 

Atteggiamento da big

«Abbiamo fatto una grande partita, mi aspettavo questa reazione - le dichiarazioni dell’allenatore rossonero a Premium Sport -. Abbiamo avuto il temperamento da grande squadra e abbiamo messo qualità. Potevamo fare qualche gol in più, ma sono molto soddisfatto. Mi è piaciuto soprattutto l’atteggiamento dei ragazzi, ben diverso rispetto all’ultima partita. La squadra si sentiva ferita e ha risposto da grande. Oggi sarebbe stata dura per qualunque squadra affrontare questo Milan». 

L’Inter non ci riguarda

La speranza allora è che questo mood vincente resista fino a sabato sera, in tempo per dare una bella lezione di calcio all’Inter, oggi sconfitta a Crotone: «Per ora ci godiamo il sorpasso sulla sesta (appunto l’Inter ndr.) e l’avvicinamento all’Atalanta. Nelle ultime due giornate abbiamo recuperato 4 punti all’Inter e oggi ne abbiamo presi due anche alla Fiorentina. Il nostro obiettivo deve essere quello di arrivare in Europa, a prescindere da come si piazzerà l’Inter».

Niente panchina a Roma

E alla fine, inevitabile dopo tutte le indiscrezioni e le chiacchiere di mercato dell’ultima settimana, spazio anche per una battuta sul suo futuro, secondo alcuni a Roma dove i giallorossi lo riprenderebbero volentieri per sostituire Spalletti: «A Roma ho già casa, non mi serve una panchina».