Calcio - Serie A

De Sciglio: «La fascia è importante ma è presto per parlare di futuro»

Il neo capitano rossonero, promosso sul campo dopo gli infortuni di Montolivo e Abate, non ha sciolto le riserve sul suo futuro. In ballo gli sviluppi della questione societaria, oltre naturalmente alla conquista di un posto in Europa per la prossima stagione.

Il terzino rossonero Mattia De Sciglio
Il terzino rossonero Mattia De Sciglio (ANSA)

MILANO - L’avevamo anticipato qualche giorno fa, l’onda lunga dei perplessi in Casa Milan si sta espandendo a macchia d’olio. Come un virus contagiosissimo e pericoloso, uno dopo l’altro, tanti rossoneri iniziano a manifestare dubbi sul loro futuro a Milanello. All’inizio era toccato a Gigio Donnarumma, rappresentato dall’irrequieto ma non per questo irresponsabile Mino Raiola, a manifestare disagio. Poi di volta in volta Suso, Montella e adesso ecco anche capitan De Sciglio.

È presto per parlare
«A proposito del mio futuro sono serenissimo - le parole pronunciate dal terzino azzurro a margine dell’evento "I giovani, lo sport e Mattia De Sciglio», legato a Fondazione Milan e tenutosi a Nerviano -. Sto pensando al calcio, a questa maglia e a onorare la fascia da capitano. Ho ancora un anno di contratto come altri compagni, le persone che lavorano per me mi hanno ribadito che al momento c'è poco da dire. Non ci si è ancora seduti attorno a un tavolo, quando sarà il momento più opportuno, anche in base a quello che accadrà in società, parleremo con la società per valutare il da farsi. C'è poco altro da aggiungere».
Una frase prevedibile, che però conferma un trend piuttosto preoccupante a Milanello: nessuno sembra fidarsi di questo passaggio di proprietà del club che sta monopolizzando le pagine dei giornali da più di due anni a questa parte. 

Un onore quella fascia
Poi però finisce per venire fuori l’amore per quella maglia a strisce rossonere che Mattia De Sciglio porta da quando era un fanciullo, e le dichiarazioni dell’attuale capitano milanista sono lì a testimoniarlo: «Quella fascia ha un grande peso, soprattutto con la maglia del Milan, ed una grande importanza, pensando ai giocatori che l'hanno già indossata. E' sicuramente un piacere poterla indossare in questo momento in cui mancano Montolivo e Abate (rispettivamente capitano e vice ndr.) e sto cercando di onorarla al meglio in questo rush finale per noi importantissimo».