18 giugno 2024
Aggiornato 02:30
Calcio - Serie A

Montella a sorpresa: «Giocando così, Milan in Europa»

L’allenatore rossonero reagisce alla critiche rivendicando una buona qualità di gioco, tanto da rassicurare tutti sul sicuro accesso in Europa del Milan.

MILANO - «Crisi di risultati si, ma adesso dobbiamo assolutamente rimanere sereni». Al termine della terza sconfitta consecutiva in campionato, quarta se consideriamo anche la battuta d’arresto in Coppa Italia contro la Juventus, Vincenzo Montella cerca di mantenere la calma. Missione difficile, soprattutto perchè al Milan stanno venendo a mancare tutte quelle piccole certezze che avevano caratterizzato un inizio di stagione al di sopra delle più ottimistiche previsioni.

Nulla di rimproverare

«Dal punto di vista dell’impegno e dei principi di gioco c’è poco da rimproverare ai ragazzi - ribadisce Montella nel post-partita contro i blucerchiati -, ma è ovvio che bisogna migliorare nella finalizzazione e anche nella scelta dell’ultimo passaggio. È un risultato che ci penalizza, ma dobbiamo continuare a credere nelle nostre convinzioni e nei nostri principi di gioco. La Sampdoria è una buona squadra, ma non aveva creato praticamente nulla fino al momento del gol. Quello di Zapata è un errore che ci può stare, noi eravamo posizionati in maniera giusta. Il calcio purtroppo è questo, c’è molto rammarico per quanto abbiamo creato». 

Sicuro in Europa

Il paradosso è che alla fine Vincenzo Montella appare quasi soddisfatto, malgrado l’ennesima sconfitta che dà una bella mazzata alle ambizioni rossonere: «Io ci credo, se continuiamo a giocare così bene, arriveremo in Europa al 100%. Non si possono perdere tante partite giocando in questo modo. Certo, davanti dobbiamo migliorare, ma la squadra crea occasioni. È un momento un po’ così, bisogna parlare di meno tutti e darsi più da fare, me compreso. Credo che questa sarà solo una fase, arriveranno tempi migliori».

Bacca arrabbiato

Inevitabili alla fine alcune brevi considerazioni su un paio di singoli, dal migliore di giornata (Delofeu) al peggiore (Bacca): «Lo spagnolo ha fatto una buona partita, è un calciatore veloce e salta l’uomo. Sul colombiano io non ho notato la sua insoddisfazione al momento del cambio. Carlos è un tipo di calciatore abituato a numeri realizzativi ben diversi. Magari era solo arrabbiato con sè stesso».