Tennis | Ranking ATP

Murray è il nuovo numero 1 del tennis mondiale

La sentenza arriva ben prima di giocare la semifinale a Parigi Bercy. Perché il rivale della sfida in programma, Milos Raonic, si è ritirato all'ultimo momento. Scalzato Djokovic dopo 122 settimane di fila. Nadal: «Darò l'anima per tornare a vincere uno Slam».

Il nuovo numero 1 del tennis mondiale, lo scozzese Andy Murray
Il nuovo numero 1 del tennis mondiale, lo scozzese Andy Murray (Andrew Couldridge | AFP)

PARIGI - Andy Murray è il nuovo numero uno del ranking mondiale. Il 29enne scozzese lo diventa senza neppure scendere in campo, approdando alla finale del «BNP Paribas Masters», ultimo «1000» dell'anno dotato di un montepremi di 3.748.925 dollari in corso sul veloce indoor del Palais Omnisport di Parigi-Bercy, grazie al forfait di Milos Raonic, numero 4 Atp e del tabellone, per un infortunio alla gamba, probabilmente da preservare in vista delle Atp Finals di Londra al via fra poco più di una settimana.

Scalzato Djokovic dopo 122 settimane di fila
Murray sale sul trono per la prima volta in carriera, scalzando re Novak Djokovic, costretto ad abdicare dopo l'ultima striscia di 28 mesi consecutivi al vertice del ranking Atp (dal 7 luglio 2014: 122 settimane di fila al vertice per il serbo, 223 complessive), e diventando il secondo più anziano per età a riuscire in tale impresa dopo John Newcombe, arrivato in vetta a 30 anni (il 3 giugno 1974). Andy è il primo britannico a salire in cima alla classifica e il 26esimo numero uno nella storia, dalla nascita della classifica computerizzata, istituita nel 1973.

Il tennista spagnolo, Rafa Nadal
Il tennista spagnolo, Rafa Nadal (Shutterstock.com)

Nadal: «Darò l'anima per tornare a vincere uno Slam»
«Sono pronto ad ammazzarmi di allenamento per tornare competitivo il prossimo anno». Parole di Rafael Nadal, intenzionato a fare di tutto per ritornare protagonista nel 2017 dopo un'annata guastata da infortuni e polemiche sul doping. «Mi ucciderò di fatica per essere di nuovo pronto per tutte le competizioni che mi attendono. Lavorerò come non ho mai fatto per raggiungere questo obiettivo - ha dichiarato il 30enne spagnolo al 'Times' in occasione dell'inaugurazione della sua Accademia, a Manacor, sull'isola di Maiorca - Ho un'enorme determinazione per combattere ulteriormente per dei traguardi importanti. Questo è stato un anno difficile perchè mi sono infortunato nel momento peggiore, quando giocavo molto bene e mi stavo divertendo molto sul campo. Ma questa è la vita e devo rimanere positivo. Il mio obiettivo principale è quello di essere pronto per la prossima stagione».