5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30

Red Bull sfotte: «Ferrari? Pensavo meglio...». Ma Vettel: «Possiamo sognare»

La Rossa becca mezzo secondo dalla Mercedes, ma sta davanti ai suoi rivali diretti per il posto di vicecampioni del mondo. E i due piloti, al termine del venerdì di prove libere, sono ottimisti: «Se fa caldo siamo favoriti noi»

Sebastian Vettel in azione nelle prove libere a Sepang
Sebastian Vettel in azione nelle prove libere a Sepang Ferrari

SEPANG«Pensavo che la Ferrari sarebbe stata un po' più veloce qui, visto che l'anno scorso vinsero...». Daniel Ricciardo sorride, al termine del venerdì del Gran Premio di Malesia, pensando al distacco dai principali rivali della sua Red Bull per il posto di vicecampioni costruttori. Eppure, l'australiano non è andato oltre l'ottava posizione nelle prove libere, a tre decimi addirittura dal suo compagno di squadra Max Verstappen, quinto. Sotto il muro dell'1:36 è riuscita a spingersi solo la Rossa di Maranello, con Sebastian Vettel terzo e Kimi Raikkonen quarto. Oltre alla Mercedes, s'intende: «Siamo realistici, abbiamo visto le Frecce d'argento molto forti oggi, sia sul giro secco che sul passo gara – ammette il ferrarista tedesco – Storicamente, quando fa caldo noi andiamo meglio, e oggi ha fatto molto caldo. Ma penso che sia giusto sognare: se qui abbiamo una chance, dobbiamo sfruttarla».

Il caldo aiuta la Rossa
Nel 2015, Sepang fu il teatro della prima delle tre vittorie in rosso di Vettel. Un anno dopo, con il circuito riasfaltato, la gara spostata da aprile a settembre (tanto da raggiungere temperature della pista di oltre 60°C), ma anche con una Mercedes perfino più dominante di dodici mesi fa, le condizioni sembrano cambiate: «Ma noi siamo piuttosto contenti di quello che abbiamo fatto oggi – dichiara il quattro volte campione del mondo, che ha chiuso i due turni a mezzo secondo dal leader Lewis Hamilton – Non ho visto molto di quello che hanno fatto i nostri avversari, ma penso che possiamo migliorare ancora. Sono fiducioso». E le Lattine? «Sembra molto forte con le gomme medie, ma non so cosa gli sia successo con le morbide – analizza – Nelle ultime gare abbiamo visto una Mercedes leggermente davanti, ma tra la Red Bull e noi è lotta aperta. Il nostro obiettivo resta quello di vincere almeno una gara e per riuscirci dobbiamo dare il massimo, tirare fuori tutto ciò che possiamo dal nostro pacchetto tecnico». Alla faccia di quello che dice il suo ex compagno di squadra Ricciardo.

Kimi Raikkonen in pista oggi
Kimi Raikkonen in pista oggi (Pirelli)

Kimi insoddisfatto, ma veloce
Un po' meno soddisfatto sembra invece il suo attuale compagno di squadra Kimi Raikkonen, che ha chiuso alle sue spalle: «Questa è stata una giornata incasinata, non ho avuto una buona sensazione per tutto il giorno, ma sono sicuro che domani potremo rimettere tutto a posto – commenta Iceman – Nonostante non sia stato un venerdì ideale, sono sorpreso di quanto siamo andati forte. Possiamo ancora migliorare, ma i tempi sul giro non sono stati affatto disastrosi». La Ferrari c'è, insomma. Per capire quanto, bisognerà aspettare ancora ventiquattr'ore.