26 settembre 2020
Aggiornato 17:00
La Rossa di Borgo Panigale domina le qualifiche in Austria

Capolavoro Andrea Iannone: «Ma la vera sfida sarà domani»

Il Maniaco capitalizza la superiorità tecnica della sua Ducati e porta a casa la seconda pole position in carriera in MotoGP: «Sono contentissimo». In prima fila, terzo, anche il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso

ZELTWEG – Grande pole position di Andrea Iannone oggi sul Red Bull Ring di Zeltweg. Il pilota abruzzese della Ducati, già autore del miglior crono nella terza sessione di prove libere del mattino, ha ottenuto il suo tempo di 1:23.142 all’ultimo giro della sua seconda uscita in qualifica. «La mia pole di oggi è stata fantastica e ho fatto un giro davvero incredibile – racconta il Maniaco – Ho sbagliato il mio primo tentativo, arrivando lungo alla curva tre, e mi sono innervosito un po’. Poi in quello successivo ho fatto 1:23.404, ma nell’ultimo giro ho spinto al massimo per provare a limare ancora qualcosa e alla fine ho ottenuto la pole. Oggi sono riuscito a guidare un po’ meglio grazie alle cure della clinica mobile che ha fatto un lavoro incredibile, visto che la costola mi da meno fastidio, anche se fare 28 giri domani sarà molto dura! Sono contentissimo di partire in pole position qui a Zeltweg, perché è la mia seconda pole in MotoGP e domani spero di riuscire a regalare una bella soddisfazione ai nostri tifosi».

Anche Andrea Dovizioso in prima fila
Prima fila anche per Andrea Dovizioso, terzo al termine della sessione di qualifica, a soli nove millesimi da Valentino Rossi. Il pilota romagnolo, che ha adottato una strategia con tre uscite, ha fatto segnare il tempo di 1:23.298 al suo ultimo passaggio. «È stata una sessione di qualifica veramente tirata, ed è bello essere in prima fila con altri due piloti italiani – esulta Desmodovi – Purtroppo non sono riuscito a centrare la pole position: ho fatto un buon giro ma non perfetto. Ad ogni modo l’importante oggi era riuscire a trovare il miglior assetto possibile per i 28 giri del GP di domani. Abbiamo lavorato molto e secondo me questa volta abbiamo le carte in regola per dire la nostra, anche se essere competitivi per tutta la durata della corsa sarà complicato, soprattutto visti i miglioramenti di alcuni piloti. In ogni caso sono contento del lavoro che abbiamo fatto durante il weekend, perché siamo riusciti a focalizzarci molto sul passo anche se bisognerà vedere cosa succederà con il degrado gomme che arriverà a due terzi della gara».

Delusione Michele Pirro
Non è invece riuscito a superare la prima sessione di qualifica Michele Pirro, iscritto a questa gara come wild card. Il pilota pugliese del Ducati test team ha infatti ottenuto il 14° tempo nella classifica combinata delle prove libere ed ha preso parte alla prima frazione eliminatoria delle qualifiche del pomeriggio, facendo segnare il settimo crono che gli è valso la diciassettesima posizione finale e la sesta fila. «Sono molto dispiaciuto per non essere riuscito a sfruttare bene la prima sessione di qualifica e pertanto domani dovrò partire indietro – commenta il collaudatore – La sesta fila non è la sicuramente la nostra posizione, considerando la competitività della Desmosedici GP, ma adesso lavoreremo per riuscire a migliorare la moto ed essere in grado domani di risalire nelle posizioni che ci competono».