13 agosto 2020
Aggiornato 06:30
Finale da brividi in Austria

Hamilton, l'incidente che riapre il Mondiale

Un duello al cardiopalma e una spallata all'ultimo giro al suo compagno di squadra Nico Rosberg decidono il Gran Premio d'Austria in favore dell'inglese. I tifosi lo fischiano, ma i commissari gli danno ragione: punito il tedesco

Lewis Hamilton sul gradino più alto del podio in Austria
Lewis Hamilton sul gradino più alto del podio in Austria Pirelli

ZELTWEG – Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio d’Austria dopo essere partito dalla pole position, al termine di una gara culminata in un duello tra lui e il compagno di squadra Nico Rosberg. Il tedesco ha sfruttato la strategia per migliorare la sua posizione al via, giocando d’anticipo per il pit stop su diversi piloti, incluso il compagno di squadra, andando a prendere il comando della gara. Ma Hamilton l’ha superato in un finale da brividi e Rosberg ha chiuso quarto dopo una collisione con il compagno nell’ultimo giro.

I tifosi stanno con Rosberg
Una bordata di fischi ha accolto il campione del mondo in carica al momento della premiazione per la vittoria del Gran Premio d'Austria. Il pubblico dello Spielberg si è infatti schierato con Rosberg dopo l'incidente che ha costretto il tedesco a chiudere in quarta posizione, fuori dal podio. «Non è un problema mio, è un problema loro», dice Hamilton parlando dei fischi. Poi ricostruisce l'incidente: «Rosberg ha commesso un errore in curva 1 e io sono andato all'esterno in curva 2. Gli ho lasciato parecchio spazio. Credo che più che un errore abbia avuto un problema con i freni. Le battaglie così ravvicinate sono l'essenza delle corse».

Ma i commissari danno ragione a Hamilton
Nico Rosberg non ha dubbi: sull'incidente con Lewis Hamilton lui non ha colpe. «È diventato tutto più difficile per entrambi: le gomme erano usate e i freni troppo caldi – dice il tedesco – Sono andato un po' lungo ma non ho causato alcun problema. È la mia curva, io ero dentro e mi ha sorpreso che lui mi ha girato fuori». Alla fine, però, proprio il tedesco è stato penalizzato di 10 secondi in quanto ritenuto responsabile della manovra con cui all'ultimo giro, quando conduceva la gara, ha allargato la traiettoria alla curva 2, provocando il fuoripista del suo compagno di squadra Hamilton. Rosberg era finito sotto investigazione sia per la manovra che per non essersi fermato con la macchina in condizioni non sicure. La sua Mercedes aveva infatti perso l'ala anteriore ma ha concluso il Gran Premio regolarmente. I dieci secondi sono comunque ininfluenti in quanto Rosberg aveva chiuso con 15 secondi di vantaggio su Ricciardo. Resta dunque inalterata la classifica del GP, vinto da Hamilton, con Verstappen e Raikkonen sul podio assieme al britannico.

(da fonte Askanews)