28 febbraio 2020
Aggiornato 06:30
la sfida è lunga, ma non impossibile

Garcia: «Lo scudetto? Ce lo giochiamo con Inter, Napoli e Juve»

Domani a San Siro arriva la formazione giallorossa capolista

ROMA - Dopo l'ultimo 3-1, la Roma di Rudi Garcia si presenta domani (ore 20.45) a Milano contro l'Inter da prima in classifica ma il tecnico giallorosso invita a non esaltarsi. La sfida è ancora lunga.

Basso profilo, ma puntiamo allo scudetto
«Per il campionato non ci siamo solo noi. C'è anche l'Inter ed il Napoli senza dimenticare la Juventus. Per questo è un torneo attraente. Noi andiamo a giocare contro una grande squadra e sarà una partita esaltante», dichiara Rudi Garcia, finalmente più sereno dopo un difficile inizio di campionato. Dopo le prime partite, che avevano gettato i tifosi giallorossi nello sconforto e nella desolazione, ora la squadra della Capitale si ritrova prima in classifica. Ma è vietato, ora, pensare alla Champions.

La Roma aspetta il goal di Dzeko
«La striscia di vittorie - continua Garcia - ci fa stare bene. L'Inter è una grande squadra guidata da un grande allenatore. Non so dire se siamo favoriti noi oppure loro. L'Inter ha giocato un giorno prima ma erano in dieci, noi dopo il 2-0 abbiamo gestito quindi non credo che ci sia un vantaggio. Sapranno sopperire anche all'assenza di felipe Melo».La Roma aspetta i gol di Dzeko. «Arriverà il suo momento appena sarà al 100% sul piano fisico. Davanti abbiamo tante soluzioni, ma sono certo che Edin sarà presto al posto giusto davanti alla porta». De Rossi sta meglio ma Garcia non scioglie i dubbi: "dopo ci alleniamo e vediamo». Infine un paragone transalpino: «In Francia è diverso, Parigi è la capitale ed è il centro di tutto e sono tutti contro di lei, con più o meno rivalità. In Italia Roma è la capitale, ma al Nord c'è una potenza economica importante. A noi piacerebbe dare più luce a Roma anche se non ne ha bisogno", conclude l'allenatore giallorosso. (Fonte Askanews)