14 ottobre 2019
Aggiornato 07:30

Brividi per Alex De Angelis: vola fuori pista e si schianta contro le barriere

Il 31enne pilota sanmarinese è stato vittima di un terribile incidente nella quarta sessione di prove libere di oggi a Motegi. Trasportato in ospedale, gli sono state diagnosticate otto fratture tra vertebre e costole, ma nessuna lesione al midollo spinale

MOTEGI – Torna la paura nel paddock della MotoGP durante la quarta sessione di prove libere del Gran Premio del Giappone, per un violento incidente di cui è stato vittima Alex De Angelis. Il 31enne sanmarinese è volato fuori pista alla curva 9, con uno schianto la cui esatta dinamica è ancora da chiarire (la regia internazionale non ha mostrato alcuna immagine televisiva al riguardo). Secondo le prime ricostruzioni, pare che De Angelis abbia perso il controllo della sua moto in uscita dalla piega a sinistra, scivolando verso l'interno e finendo a tutta velocità dritto contro le barriere metalliche che delimitano la pista. La sessione è stata immediatamente interrotta e il pilota sottoposto alle prime cure a lato circuito: i medici hanno chiarito che «respirava e non ha perso conoscenza», pur avendo riportato numerose fratture e avendo perso la memoria dell'incidente. Di lì il centauro è stato trasportato all'ambulanza che lo attendeva e quindi al centro medico del circuito, prima di essere nuovamente spostato, stavolta via elicottero, all'ospedale di Dokkyo.

Conseguenze fisiche
«Alex De Angelis a seguito della caduta nelle quarte prove libere ha riportato un forte trauma cranico per il quale è stato trasferito in elicottero presso l’ospedale universitario di Dokkyo nei pressi di Tochigi – conferma il comunicato stampa del suo team Iodaracing – I medici del nosocomio lo hanno sottoposto ad una Tac che ha evidenziato la frattura lieve di cinque vertebre e di tre costole. In questo momento De Angelis sta effettuando tutti gli esami di routine mentre l’ortopedico dell’ospedale universitario di Dokkyo esclude qualsiasi lesione midollare. Con molta probabilità Alex, che non ricorda a causa del trauma cranico la dinamica del suo incidente, potrà essere trasferito in Italia nel corso della prossima settimana». Ulteriori dettagli li ha poi aggiunti il medico Michele Macchiagodena in una nota pubblicata dal sito ufficiale della MotoGP: «Ha avuto un trauma toracico con fratture costali bilaterali, sia a destra che a sinistra. Ma la cosa più importante è che ha avuto una contusione polmonare: cioè una sofferenza del polmone che bisognerà controllare nei prossimi giorni affinchè non sviluppi un’insufficienza respiratoria o un’infezione. Ha riportato anche la frattura di cinque vertebre dorsali, di cui tre sembrano interessare il corpo della vertebra. Bisogna esser sicuri che queste fratture non siano instabili, altrimenti possono creare una lesione del midollo, e causare un danno neurologico che, per il momento, non c’è. In caso contrario si ricorrerà a un intervento chirurgico; inoltre, ha una frattura lombare, mentre l’addome per il momento sembra ok».

Gli auguri di Valentino
Questo drammatico episodio ha toccato profondamente tutti i colleghi di De Angelis, che gli hanno subito rivolto i loro migliori auguri di pronta guarigione. Tra i più colpiti proprio Valentino Rossi, transitato con la sua moto vicino al luogo dello schianto dopo pochi istanti: «Penso che dobbiamo augurargli buona fortuna, perché siamo tutti rimasti molto spaventati – ha commentato il Dottore – È stato un brutto momento ed è stato difficile mantenere la concentrazione. Ma la notizia più importante di oggi è che lui stia abbastanza bene, perché l'incidente è stato molto brutto».