16 ottobre 2019
Aggiornato 11:30

Murray troppo forte per Seppi

C'è stato poco da fare per Andreas Seppi contro il campione scozzese Andy Murray capace nel 2013 di cancellare 77 anni di attesa da parte dei Sudditi di Sua Maestà la Regina Elisabetta alzando al cielo il trofeo maschile nel torneo di casa.

LONDRA - C'è stato poco da fare per Andreas Seppi contro il campione scozzese Andy Murray capace nel 2013 di cancellare 77 anni di attesa da parte dei Sudditi di Sua Maestà la Regina Elisabetta alzando al cielo il trofeo maschile nel torneo di casa.

E' finita in quattro set: 6-2 6-2 1-6 6-1
Nei primi due set non c'è stata partita con Murray che è subito scappato via sin dall'inizio e l'azzurro costretto sempre a rincorrere. Nel terzo Andreas è partito meglio difendendo con successo il proprio turno di battuta, poi sul 2-1 in suo favore ha chiesto l'intervento del medico per un risentimento alla gamba destra. E qui per circa mezzora la partita è girata con lo scozzese alle prese con un dolore alla spalla. Improvvisamente il britannico ha smesso di forzare al servizio e Seppi ne ha subito approfittato: 61 il terzo parziale un break in apertura di quarto, quando è stato Murray a chiedere lo stop per farsi massaggiare la spalla. E come d'incanto è tornato il Murray dei primi due set, anche grazie ad un calo di Andreas, che probabilmente ha pagato la tensione, ha smesso di spingere con le gambe e ha commesso qualche errore di troppo. Dallo 0-1 lo scozzese non ha concesso più nulla infilando sei game consecutivi e chiudendo il match.