3 marzo 2024
Aggiornato 02:30
Motociclismo | GP Silverstone - Qualifiche

Rossi: «Mai stato così competitivo a Silverstone»

Valentino: «Oggi è andata molto meglio rispetto a ieri». Jorge Lorenzo preoccupato: «Contento per la prima fila, ma in gara non avremo la gomma morbida che ha risolto i problemi del venerdì».

SILVERSTONE - Soddisfazione a metà per i due piloti Yamaha dopo le qualifiche del Gran Premio di Silverstone. Rossi ottimista, ma sperava di fare meglio del sesto tempo, e Lorenzo, terzo, è preoccupato per il setting da gara.

ROSSI: SONO COMPETITIVO - «Oggi è andata molto meglio rispetto a ieri, mi sono proprio divertito. Sia io che Lorenzo abbiamo migliorato significativamente il setting delle moto e la situazione è diventata più normale. Abbiamo potuto lottare per stare lì davanti. Detto questo non sono molto soddisfatto della mia qualifica, anche se parto in seconda fila, perché avevo il potenziale per fare meglio. Avrei dovuto sfruttare meglio la seconda gomma, soprattutto nel primo giro, ma ho avuto un po' di traffico. La seconda fila comunque non è male, dobbiamo ancora migliorare un po' la moto in frenata e in entrata. Questa pista è bellissima, a me piace molto, peccato che l'asfalto sia un po' rovinato e pieno di buche. Questo disturba un po' il gusto della guida. Non è tanto che corriamo a Silverstone. Con la Ducati era andata male, meglio con la Yamaha l'anno scorso, ma quest'anno sono sicuramente più competitivo».

LORENZO: DOMANI SARÀ DURA - «Decisamente molto meglio oggi rispetto a ieri. Le qualifiche sono sempre un po' pazze, il ritmo è altissimo, vogliamo dare sempre il massimo. Cosa che in gara non sempre possiamo fare. Alla fine con la gomma morbida anteriore quasi tutti i problemi che avevamo, sospensione compresa, sembrano essere risolti. Per la qualifica abbiamo fatto bene, il problema è che in gara non possiamo usare questa gomma, non arriveremmo fino in fondo chiaramente. Questo vuol dire che dobbiamo migliorare ancora la moto per correre domani con la gomma dura. La gara sarà lunga, sarà difficile ripetere la prestazione dell'anno scorso, ma ci proviamo».