16 settembre 2019
Aggiornato 01:30

Morte Ciro Esposito, la famiglia chiede il lutto nazionale.

Anche il presidente del Napoli De Laurentiis ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia: «Ciro era un nostro tifoso. Questa tragedia deve far riflettere tutto il mondo del calcio».

ROMA- «La famiglia di Ciro è distrutta dal dolore, anche se era una notizia che ci aspettavamo: ci stiamo attivando per ottenere che la camera ardente venga fatta a Scampia e la dichiarazione del lutto cittadino e nazionale, è una cosa dovuta». Lo ha detto ai microfoni di SkyTg24 l'avvocato Damiano De Rosa, uno dei legali della famiglia di Ciro Esposito.

I tempi del trasferimento della salma a Napoli «dipendono dalle valutazioni della magistratura: faremo il possibile per accelerarli perchè Ciro il prima possibile possa essere abbracciato dalla sua città».

Quanto al nuovo appello dello zio di Ciro contro ogni violenza, De Rosa ha ricordato che «appelli del genere ci sono sempre stati: la mamma di Ciro dal primo giorno ha lanciato un messaggio di perdono ed è importantissimo che lo abbiamo fatto anche ora. Ciro era un tifoso pacifico, resterà un tifoso morto per aiutare delle persone in difficoltà».

CIRO, RAGAZZO INNOCENTE, DA OGGI EROE - In una nota anche un altro avvocato della famiglia Esposito, Angelo Pisani, presidente dell'Ottava Municipalità di Napoli comprendente il quartiere di Sampia, in cui Ciro lavorava all'autolavaggio, chiede «che sia proclamato il lutto nazionale: la morte di Ciro - dice - rappresenta il fallimento di uno stato che aveva il dovere di tutelare i cittadini e le manifestazioni sportive in generale. Tutto questo non è avvenuto ed a rimetterci la vita è stato un ragazzo innocente, che da oggi in poi sarà il nostro eroe».

«Aspettiamo - conclude Pisani - di poterlo onorare per l'ultima volta con una cerimonia che convocheremo presso l'Auditorium di Scampia, perché tutto il quartiere possa stringersi intorno a Ciro e alla sua famiglia, che rappresentano dinanzi a tutta l'Italia i valori positivi di Napoli».

DE LAURENTIIS: CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA - «Ciro era un nostro tifoso che voleva passare una serata di gioia tifando per la propria squadra. Questa tragedia deve far riflettere tutto il mondo del calcio e delle istituzioni che collaborano con esso. Esprimo ai genitori ed a tutta la sua famiglia le mie più sentite condoglianze unitamente a tutto il Calcio Napoli». Lo scrive sul suo profilo Twitter il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis.