20 aprile 2021
Aggiornato 18:00
Qualificazioni Brasile 2014

Prandelli: Balotelli? Nessun rischio

«Cosa vorrebbe dire vincere oggi? In questo momento significherebbe avere tre punti in più e dare continuità». Queste le dichiarazioni di Cesare Prandelli nella mattina che precede Italia-Danimarca, partita valida per la fase di qualificazione al Mondiale 2014 in Brasile

MILANO - «Cosa vorrebbe dire vincere oggi? In questo momento significherebbe avere tre punti in più e dare continuità». Queste le dichiarazioni di Cesare Prandelli nella mattina che precede Italia-Danimarca, partita valida per la fase di qualificazione al Mondiale 2014 in Brasile. Questa sera, a San Siro, il gruppo azzurro cercherà la vittoria per staccare proprio la Danimarca e chiudere così il 2012 in testa nel Gruppo B.

IL NOSTRO E' UN GIRONE EQUILIBRATO - «Che cosa mi infastidisce delle critiche? Le critiche non mi feriscono - continua Prandelli ai microfoni di RaiSport -. Sono quei giudizi dati in maniera un po' superficiale che, in generale, non mi piacciono. Trovo poco rispettoso dare dei giudizi da lontano».
La partita con la Danimarca sarà un altro banco di prova per Mario Balotelli: «Sbagliato puntare ancora su di lui? Nessun rischio - dichiara il mister azzurro -, stiamo solo cercando di aiutare questo ragazzo che ha un grande talento, poi dovrà farlo da solo e penso sia in grado di poterlo fare». Il ct dell'Italia è comunque ottimista per il match di questa sera: «Sono convinto - conclude Prandelli - che il nostro sia un girone molto equilibrato. Per questa sera sono molto fiducioso».

BUFFON NON GIOCA - L'Italia dovrà fare a meno di Gianluigi Buffon nel match di questa sera con la Danimarca, valido per il gruppo B di qualificazione alla Coppa del Mondo 2014. La Figc comunica, infatti, che il capitano della Nazionale, alle prese con un affaticamento muscolare all'adduttore sinistro, non ha superato il provino di questa mattina. Al posto di Buffon dovrebbe giocare il portiere del Napoli Morgan De Sanctis. Gli Azzurri di Cesare Prandelli hanno effettuato in albergo il risveglio muscolare e si è riaggregato al gruppo anche Christian Maggio, tornato da Napoli dopo la nascita del figlio Matteo.