23 agosto 2019
Aggiornato 02:30

Mosley: «Team ribelli recitano una parte, torneranno indietro»

«Costretti ad adire vie legali, messinscena finirà prima del 2010»

SILVERSTONE - Il presidente della Fia, Max Mosley, si è detto certo della vittoria nel braccio di ferro con le scuderie della Fota, affermando in un'intervista alla Bbc che la Ferrari e gli altri sette team ribelli non riusciranno a creare i presupposti per la creazione di un campionato parallelo. «Siamo stati costretti ad adire le vie legali», ha detto Mosley, «tutto rientra nell'iter della vicenda, ma quando loro torneranno ad avere buonsenso questa storia finirà».

Mosley ha accusato i team della Fota di portare avanti un vero e proprio bluff: «I team stanno recitando una parte, ma è una messinscena che finirà prima dell'inizio del 2010 e prima della prima gara della prossima stagione, a Melbourne», ha detto il presidente della Fia. Secondo Mosley l'ipotesi di un addio alla Formula 1 da parte delle otto scuderie della Fota è irrealistica: «Non riusciranno ad ottenere l'appoggio necessario e torneranno indietro», ha spiegato il presidente della Fia.