Il gastroenterologo risponde

Gastrite: sintomi, cure e come riconoscerla

Il dottor Floriano Rosina spiega a Diario Salute TV cos’è la gastrite e come distinguerla da sintomatologie e patologie simili

Il concetto di gastrite è estremamente eterogeneo. Esiste un’idea di gastrite espressa prevalentemente dalla persona che si presenta a noi gastroenterologi, ma che per i pazienti significa davvero molte cose – spiega il dottor Floriano Rosina, medico chirurgo specializzato in gastroenterologia e direttore di Medical Team di Torino. In alcuni casi potrebbe indicare la difficoltà di digestione, di svuotamento dello stomaco o di dolore alla bocca dello stomaco prima dei pasti. Quest’ultimo può essere sintomatico di una patologia di tipo ulceroso, oppure il dolore che sale, dopo i pasti, che può essere espressione di malattia da reflusso.

Cos’è in realtà la gastrite
«Dal nostro punto di vista per gastrite si intende esclusivamente un’infiammazione a livello dello stomaco che può essere diagnosticata attraverso un prelievo di mucosa gastrica, prelevabile attraverso la gastroscopia. Come si può notare, quindi, i concetti tra paziente e medico sono estremamente differenti», continua il dottor Rosina.

Le cause della gastrite
«La maggior parte delle gastriti possono essere sostenute da helicobacter pilory, credo che sia un batterio piuttosto conosciuto e noto da almeno trent’anni. Questo ha cambiato radicalmente le nostre concezioni su gastrite e ulcera. Un batterio che determina la gastrite predispone all’ulcera, ma ciò che è più pericoloso – in termini di attività di tale batterio - seppur raramente alle nostre latitudini, è che predispone al tumore dello stomaco. Per cui è importante conoscere se l’helicobacter sia presente o meno.

I metodi diagnostici
«In un soggetto altrimenti sano con dei sintomi senza segni di allarme è sufficiente cercarlo sulle feci o attraverso il test del respiro. In un paziente dove siano presenti segni di allarme tipo dolori particolarmente intensi, calo di peso e anemizzazione e invece necessario fare una gastroscopia».

Anche i farmaci possono essere pericolosi
«Un’altra causa di gastrite e anche di complicanze più severe è rappresentata dall’assunzione di farmaci ad azione antinfiammatoria e antidolorifica, che possono determinare l’insorgenza di ulcera con le sue complicazioni rappresentate dal sanguinamento e dalla perforazione», conclude il dottor Rosina.