13 novembre 2018
Aggiornato 08:00

Ansia, ecco il punto che devi premere per farla ridurre

I punti per la digitopressione contro l’ansia spiegati dalla Therapist Chiara Comoglio.

ROMA – L’ansia è uno dei disturbi più diffusi nel nostro Paese. Sarà forse colpa della vita frenetica, o più probabilmente delle troppe responsabilità a cui ogni giorno siamo sottoposti, fatto sta che secondo recenti stime le persone che soffrono di ansia, soltanto nella nostra penisola, sono circa 3 milioni.

I disturbi emozionali e quelli psichici
La Medicina Tradizionale Cinese (MTC) cura da millenni l’ansia attraverso l’utilizzo dei punti di agopuntura. L’MTC dà molta importanza ai problemi di tipo emotivo, tant’è vero che in alcuni testi molto antichi si legge: «Quando visiti un ammalato non chiedergli che cosa lui abbia, curagli l’aspetto psichico e l’avrai guarito». Le emozioni, secondo le antiche medicine orientali, si insinuano nell’uomo propagandosi e diffondendosi in tutti gli organi, dando origine a vari disturbi fisici.

Perché viene l’ansia?
Nella maggior parte dei casi l’ansia tende a «bloccare» il cuore, dando alla persona un senso di imprigionamento che non gli permette di vivere in serenità. Poiché tale organo è collegato al sentimento di «gioia», quando è «ingabbiato» si ha un senso continuo di oppressione. Non a caso, i soggetti che soffrono di ansia possono sviluppare dolori toracici.

Digitopressione contro l’ansia
Esistono dei punti di agopuntura molto importanti per il trattamento dell’ansia. La Therapist Chiara Comoglio spiega a DiarioTV come trovarli facilmente e come toccarli per ridurre i sintomi velocemente. Ogni punto va premuto per circa un minuto per evitare recidive o può essere utilizzato durante un attacco di ansia.

Pericardio 6 (PC6) e altri punti contro l’ansia
Chiara Comoglio, consiglia di stimolare tre punti per ridurre l’ansia: pericardio 6 (PC-6), cuore 7 (HT-7) e rene 27 (KI-27). Tutti vanno stimolati in senso circolare e premuti con il pollice per circa un minuto.

Come trovare HT-7
Per trovare il punto cuore 7 «cercate la piega del polso, e il tendine a lato della mano, al di sotto del mignolo, verso l’interno», spiega la Therapist Chiara Comoglio

Come trovare PC-6
«Restate sulla piega del polso, appoggiate due dita e sulla linea mediana, tra i due tendini, c’è pericardio 6», continua Comoglio.

Come trovare KI-27
«Cercate la fossa sovra sternale, da qui, posizionate due dita e, a contatto con la clavicola, nella parte inferiore, c’è rene 27», conclude Comoglio.

Approfondimento: cos’è la digitopressione
La digitopressione è una tecnica molto utile per il trattamento di vari disturbi. Nella maggior parte dei casi è possibile fare un auto-trattamento ottenendo ottimi risultati. La pratica consiste in una pressione accurata e controllata in varie sedi del corpo, in molti casi corrispondenti ai punti di agopuntura. La pressione va esercitata in senso circolare e non è necessario applicare alcuna sostanza a uso topico. Anche se, per migliorarne l’efficacia alcuni consigliano l’aggiunta di miscele a base di oli essenziali, specifiche per il disturbo. La tecnica può essere dolorosa, ma solo durante la pressione delle dita o, in alcuni casi, del gomito.

Una miscela contro l’ansia
Esistono oli essenziali che aiutano a contrastare l’ansia. Essi agiscono velocemente entrando nel flusso sanguigno o tramite inalazione per comunicazione diretta con alcune sedi del cervello. Per questo tipo di digitopressione puoi preparare una miscela a base di olio di mandorle dolci, arancio dolce, mandarino e neroli (fiori d’arancio). Per equilibrare il sistema nervoso, puoi aggiungere un paio di gocce di olio essenziale di cipresso.