16 novembre 2018
Aggiornato 17:30

Depressione giovanile e negli adolescenti, un programma online aiuta a prevenirla

La depressione adolescenziale è molto diffusa, ma spesso si può anche prevenire. Ricercatori hanno sviluppato un programma che può essere utilizzato già dall'età pediatrica
Depressione giovanile
Depressione giovanile (Pressmaster | shutterstock.com)

La depressione giovanile e negli adolescenti è più diffusa di quanto si possa pensare. Secondo recenti stime, almeno il 20% degli adolescenti sperimenta un episodio depressivo, anche grave, ogni anno. Allo stato attuale, la comunità medica fatica a implementare programmi che prevengano efficacemente la depressione. Per colmare questa lacuna, i ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago hanno lavorato per trovare una risposta da offrire partendo dalle cure primarie pediatriche conducendo studi clinici per valutare e confrontare gli interventi.

Quando il web aiuta
Gli autori dello studio, guidati dal dott. Benjamin Van Voorhees, hanno sviluppato e valutato gli effetti di un programma di intervento online per prevenire la depressione, chiamato CATCH-IT (Competent Adulthood Transition with Cognitive behavioral Humanistic and Interpersonal Training). Per mezzo di uno studio clinico multicentrico e randomizzato, i ricercatori hanno confrontato l’intervento CATCH-IT con un intervento di ‘controllo’, o placebo. Il protocollo CATCH-IT, consisteva in moduli di apprendimento online specifici sulla depressione, interviste motivazionali e coaching con un intervento di controllo. L’intervento di controllo consisteva in un’educazione sanitaria generale e veniva erogato in modo simile attraverso i moduli di apprendimento online.

Lo studio
Per questo studio, i ricercatori hanno coinvolto 369 adolescenti di età compresa tra 13 e 18 anni provenienti da un mix di aree rurali e urbane. Tutti i partecipanti hanno avuto una storia di depressione o sintomi depressivi, che sono stati misurati e a cui durante lo screening è stato assegnato un punteggio. Dopo di che, gli scienziati hanno seguito i partecipanti per due anni e monitorato gli episodi depressivi.

I risultati
Dopo i due anni di follow-up, i sintomi depressivi si sono ridotti in tutti i partecipanti. I ricercatori non hanno osservato differenze tra i gruppi (quelli del programma online e quello di controllo), tranne che per gli adolescenti a rischio più alto e i cui sintomi depressivi hanno ottenuto un punteggio elevato sullo screening al basale. Tra gli appartenenti a questo gruppo, coloro che hanno partecipato all’intervento di CATCH-IT hanno dimostrato maggiori benefici, raggiungendo fino all’80% di riduzione del rischio di vivere un episodio depressivo. «Questo studio ci dice che l’intervento online funziona meglio per gli adolescenti che stanno vivendo sintomi peggiori – ha spiegato il prof. Benjamin Van Voorhees, Direttore di Pediatria e autore principale – Abbiamo ipotizzato che ci sarebbe stato un beneficio tra tutti i partecipanti, ma forse è ancora più interessante vedere una riduzione del rischio così significativa tra un gruppo più piccolo di adolescenti ad alto rischio».

L’importanza della prevenzione
«Quando si tratta di programmi di prima linea per la prevenzione della depressione, le soluzioni scalabili potrebbero dover essere indirizzate ai pazienti sulla base di sintomi gravità, non solo storia precedente – ha sottolineato il prof. Van Voorhees – Abbiamo bisogno di spostare la cura della depressione dai trattamenti reattivi alla prevenzione diffusa, ma per avere successo abbiamo bisogno di più ricerche su quali interventi funzionano e per quali pazienti, nelle strutture di assistenza primaria. Questo – prosegue il ricercatore – è il primo studio a testare un intervento di prevenzione della depressione in un contesto di assistenza primaria: i fornitori di assistenza primaria sono probabilmente i primi a chiedere aiuto e sono spesso tra i primi a identificare tendenze preoccupanti verso la depressione».

Poter fornire delle risposte agli adolescenti a rischio
«Spesso i medici di base riconoscono i sintomi depressivi sottosoglia nei loro pazienti adolescenti, ma non hanno un modo adeguato per rispondere – ha aggiunto Tracy Gladstone, co-principale ricercatore e direttore associato e ricercatore senior presso i Wellesley Centers for Women at Wellesley College – La nostra speranza è che questo intervento possa servire come risposta di prima linea, basata sull’evidenza, per sostenere gli adolescenti sintomatici prima che sviluppino una malattia depressiva conclamata».

Il ruolo dei genitori
Rivolgendosi ai i genitori, Van Voorhees ha detto che i risultati dovrebbero rafforzare la necessità di agire se gli adolescenti mostrano i primi segni di depressione. «Se il comportamento dei loro figli sta cambiando, i genitori non dovrebbero aspettare per cercare aiuto – ha dichiarato – Sebbene questo studio abbia dimostrato che gli adolescenti ad alto rischio hanno tratto maggior beneficio dall’intervento online, ha anche dimostrato che la partecipazione allo studio, indipendentemente dal gruppo, ha contribuito a ridurre i sintomi della depressione. Sappiamo che il semplice impegnarsi nell’attività fisica, praticando la positività intenzionale e coinvolgendo la famiglia, gli amici e le attività si possono aiutare gli adolescenti a scongiurare episodi depressivi maggiori».
Il Trial sites ha incluso Wellesley College, NorthShore University HealthSystem, Harvard Vanguard, Advocate Children’s Hospital, Access, Franciscan Alliance, and UI Health Mile Square Health Centers.

Riferimento: JAMA Network Open (2018). DOI: 10.1001/jamanetworkopen.2018.4278
https://jamanetwork.com/journals/jamanetworkopen/fullarticle/2712184.