26 ottobre 2020
Aggiornato 13:00
Alimentazione dei bambini

Il bambino non mangia? È perché vuole che il cibo sia servito in un certo modo

Ecco come i bambini vogliono che il loro cibo sia servito, altrimenti non mangiano

Far mangiare i bambini è spesso un’impresa ardua, che mette a dura prova i genitori (e anche la loro pazienza). Ma, cosa ancora più importante, è necessario che i bambini mangino in modo adeguato e corretto. Tuttavia, come si sa, proprio i bambini il più delle volte non vogliono mangiare – specialmente i cibi che farebbero loro bene. Perché tutto ciò? È solo una questione di gusto o di cosa piace e cosa no? A quanto pare no. Sarebbe una questione di presentazione del cibo e di come viene servito. Ecco perché da un nuovo studio.

Questione di preferenze
Secondo una nuova ricerca condotta dal Future Consumer Lab, bambini hanno preferenze diverse su come il cibo dovrebbe essere organizzato, a seconda del sesso e dell’età. E questo pare influisce in modo significativo sul fatto che poi mangino o meno. «Come ricercatore, ho sentito i genitori che hanno ascoltato aneddoticamente che i loro figli preferiscono avere il loro cibo servito in un modo particolare, incluso in un ordine specifico – spiega la dott.ssa Annemarie Olsen, principale autrice dello studio – Ma non abbiamo molte conoscenze basate su prove riguardo a come i bambini ordinano e mangiano il loro cibo, il che è molto importante quando, per esempio, vogliamo che i nostri figli mangino più verdure o mangino il loro cibo in generale».

Il segreto per farli mangiare
Secondo i ricercatori, i risultati della ricerca, oltre a essere utili per i genitori, possono essere utilizzati anche per ottimizzare i programmi di alimentazione nelle scuole e pasti che vengono consegnati agli alunni dai fornitori esterni. In base a quanto emerso dallo studio, e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Sensory Studies, il segreto per far mangiare ai bambini più frutta e verdura è quello, molto semplice, di presentare i piatti in piccole porzioni e rendendoli disponibili liberamente, così che possano facilmente prenderli e mangiarli. Tuttavia, si è scoperto che la presentazione visiva del cibo fa una grande differenza su quanto i bambini possono mangiare.

Lo studio
I ricercatori hanno coinvolto 100 scuole con bambini di età compresa tra 7 e 8 anni e tra 12 e 14 anni. Poi hanno realizzato una lista di priorità di foto di 6 diversi piatti serviti in tre modi diversi, tra cui, gli elementi del cibo presentati separatamente in modo che non si toccassero tra loro, così come un mix di ingredienti e altri ingredienti separati che sono stati mescolati insieme e, infine, tutto il cibo mescolato insieme. In base alle priorità stabilite dai bambini in base alle foto visualizzate, i ricercatori hanno scoperto quale presentazione del cibo preferivano e quale stile di servizio cui si prendevano meno cura.

I risultati
Lo studio ha rivelato che le femmine più giovani (7-8 anni) preferiscono lo stile di servizio separato, mentre i ragazzi della stessa età non hanno una preferenza per come è organizzato il cibo. I risultati hanno anche mostrato che i bambini tra i 12 e i 14 anni preferiscono il cibo che può essere miscelato insieme o servito come un mix di ingredienti separati e misti. In base ai dati acquisiti, i ricercatori ritengono che per ottenere i migliori risultati, il cibo dovrebbe essere servito separato sul piatto, almeno quando si tratta di gruppi di età più giovani. «Il bambino può mescolare il cibo quando i vari elementi del cibo sono separati sul piatto, mentre il contrario non è possibile», ha concluso la dott.ssa Olsen.