19 dicembre 2018
Aggiornato 17:30

Allarme per la malattia a trasmissione sessuale che ti divora dall’interno

Nel Regno Unito è allarme per un nuovo caso di donovanosi, una malattia a trasmissione sessuale dove una sorta di batterio mangiacarne divora i tessuti e provoca gravi ulcere genitali

Malattie a trasmissione sessuale: la donovanosi
Malattie a trasmissione sessuale: la donovanosi (Emily frost | shutterstock.com)

E’ appena stato segnalato un nuovo caso di donovanosi, una malattia sessualmente trasmissibile che causa gravi lesioni ai tessuti. A provocarla, in questo caso, è stato un batterio chiamato Klebsiella granulomatis, una sorta di batterio mangiacarne, che causa gravi ulcere genitali e distrugge i tessuti. In sostanza, è come se ti divorasse dall’interno.

Il caso
A riportare del caso sono i media locali di Liverpool (UK), e si parla di una donna di Southport di età compresa tra i 15 e i 25 anni, di cui tuttavia non è stato fatto il nome per questioni di privacy e dati sensibili. La diagnosi di donovanosi è stata fatta di recente e anche si connota come un caso raro, proprio perché è stata riscontrata potrebbe innescare una potenziale diffusione – come è stato, per esempio, con la super-gonorrea. Per questo motivo, le autorità sanitarie avvertono i cittadini dall’evitare di avere rapporti sessuali non protetti, vista la pericolosità dell’infezione.

Rara, ma non troppo
La donovanosi è considerata una malattia a trasmissione sessuale rara nei Paesi occidentali come gli Stati Uniti e l’Europa. Tuttavia, è piuttosto comune in alcune aree tropicali e Paesi come India, Papua Nuova Guinea, Caraibi, Australia centrale e Africa meridionale, secondo gli US Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

I sintomi della donovanosi
Dopo l’infezione e l’incubazione, che può durare da una a 12 settimane, i primi sintomi si manifestano con piccole, indolori piaghe o ulcere che compaiono nei genitali. Tuttavia, le piaghe diventano gradualmente più grandi e si gonfiano diventando delle protuberanze rosse che sanguinano facilmente. A mano a mano che l’infezione di diffonde può distruggere il tessuto genitale e provocare la perdita di colore della pelle intorno all’area colpita. La persona colpita sperimenta gravi lesioni e i tessuti letteralmente si disintegrano, proprio come se il batterio divorasse la carne. Quando giunge agli ultimi stadi, la zona colpita somiglia molto a quella devastata dai tumori avanzati.

Come si trasmette, si cura e le complicanze
La donovanosi, e dunque il batterio che la causa, si trasmette attraverso rapporti sessuali non protetti. Secondo l’NHS, si trasmette anche con il sesso orale o anale. Al momento, se presa in tempo, l’unica terapia possibile è a base di antibiotici, e il trattamento può durare anche diverse settimane. Tuttavia, se il batterio ha già iniziato a «mangiare la carne», si rischia di ritrovarsi con lesioni e cicatrici che possono durare anni e difficilmente guariscono, così come seri danni agli organi genitali. Inoltre, si possono verificare ostruzioni al sistema linfatico, con conseguenti gonfiori agli organi genitali e alle gambe. Altre complicanze sono la diffusione della malattia al fegato e alle ossa. Una possibile, tuttavia rara, complicanza è lo sviluppo di un tumore.