19 dicembre 2018
Aggiornato 17:00

7 cose sul sesso (spiegate dagli scienziati) che forse non sapevi

Sette curiosità sul sesso spiegati dagli scienziati di tutto il mondo

7 curiosità sul sesso
7 curiosità sul sesso (Vasilchenko Nikita | Shutterstock)

Vero o falso? Il sesso è l’unico argomento che è (quasi) sempre sulla bocca di tutti. È conosciuto da chiunque senza distinzione di etnia, razza, luogo di origine o età. Nonostante ciò, non è insolito incappare in luoghi comuni e credere a informazioni diffuse da anni ma che di vero o, peggio, scientifico, non hanno proprio niente. Ecco sette cose a cui probabilmente hai creduto anche tu o che non conoscevi affatto.

Farse sesso in piscina danneggia lo sperma?
Vero. Non solo il sesso in piscina, ma anche in una doccia o in una semplice vasca idromassaggio può fare la differenza in termini di qualità dello sperma. Nella maggior parte dei casi, infatti, verrà decisamente eliminato. Ad asserirlo è il professore di chirurgia urologica dell'Università del Minnesota, Jon Pryor. Anche se ci tiene a sottolineare che non è un metodo efficace per il controllo delle nascite.

Gli uomini raggiungono il loro picco sessuale quando lo raggiungono anche le donne
Falso. Secondo recenti studi, gli uomini raggiungono il loro picco sessuale a 18 anni, mentre le donne ci arriverebbero ben dieci anni dopo: a 28 anni. Tutto ciò è dovuto alla quantità di testosterone, elevatissimo nei ragazzi di 18 anni. Al contrario, gli estrogeni – gli ormoni femminili – arrivano a simili livelli dopo i vent’anni. «Ma i picchi ormonali non significano prestazioni sessuali elevate», ricorda Marc Goldstein, MD, professore di medicina riproduttiva e urologia presso il Weill Medical College della Cornell University. Ciò significa che puoi fare sesso esattamente quando hai il desiderio di farlo.

La masturbazione produce orgasmi migliori
Vero/falso. In linea di massima è così, perché durante la masturbazione si seguono ritmi ben precisi, secondo il proprio piacere. Tuttavia, non esiste una regola vera e propria e tutto «Dipende dall'individuo», secondo Pryor. «Per alcuni lo fa, ma per altri, non c'è niente che batte il buon vecchio rapporto di coppia».

La dimensione del pene di un uomo è proporzionale alla misura del piede
Falso. Se così fosse, tutti gli uomini con un piede piuttosto lungo sarebbero anche super dotati. Purtroppo, per molti uomini (e donne) la misura del piede non è un indicatore affidabile. Nel 2002 uno studio di 104 uomini condotto dagli scienziati dell'University College di Londra non ha infatti trovato alcuna relazione. Solo una ricerca canadese, condotta per altro su un campione minuscolo di 63 uomini, ha trovato un live legame. Quindi l’unico metodo per conoscere certi dettagli di un uomo è quello di avere un rapporto sessuale con lui – e non certo accompagnarlo in un negozio di scarpe.

Lo sperma si può bere, contiene solo sostanze benefiche e pochi carboidrati
Falso. Se bere lo sperma non dovrebbe causare nessun problema da un punto di vista salutare, è anche vero che considerarla una vera e propria cura per mantenersi in forma potrebbe non essere sempre un’ottima soluzione. Infatti, non è vero che contiene pochi carboidrati. Ma è vero esattamente il contrario. «Lo sperma è principalmente costituto dallo zucchero della frutta [il fruttosio, nda] ed enzimi – quindi non è affatto a basso contenuto di carboidrati», spiega il dottor Goldstein.

Se il pene è ricurvo da un lato potrebbe trattarsi di un problema «cerebrale»
Vero. Uno studio pubblicato recentemente su Human Reproduction ha messo in evidenza come il pene che pende leggermente verso sinistra potrebbe rappresentare una predominanza di utilizzo dell’emisfero cerebrale sinistro. Tale predominanza potrebbe essere collegata a una maggior destrezza, a un piede più largo e altre forme di asimmetria. Chi usa maggiormente questa parte del cervello è anche in grado di fare migliori calcoli matematici e analisi logiche. Quindi, come suggeriscono i giornalisti di Men’s health, «se il tuo pene penzola a sinistra, questo potrebbe aiutare a spiegare perché sei bravissimo nell'algebra, ma terribilmente schifoso a indovinare l'umore della tua ragazza».

La forza di espulsione dello sperma indica la soddisfazione sessuale
Il famoso ricercatore Alfred Kinsey dell'Università dell'Indiana, ritiene che lo sperma possa essere espulso a una lontananza di ben 8 piedi. Ovvero nientepopodimeno che due metri e mezzo. Una simile affermazione, tuttavia, non sembra aver trovato numerosi riscontri scientifici se non per uno studio condotto dal Weill Cornell Medical College, il quale ha evidenziato che la forza di espulsione dello sperma è direttamente collegata con l’intensità del proprio orgasmo.