19 giugno 2019
Aggiornato 09:30
Fondi europei per la salute

LifePath, arriva il premio (in denaro) per chi sceglie di curarsi

Il progetto, sostenuto dalla Commissione Europea, vuole incentivare tutte le persone a prendersi cura di sé, anche in termini di prevenzione

Il bonus economico per chi sceglie di curarsi
Il bonus economico per chi sceglie di curarsi ( Shutterstock )

A nessuno di noi piace stare male e non solo per la sofferenza che ne deriva, ma spesso anche per le cure a cui si è costretti a sottoporsi. Forse proprio per questo motivo molte persone evitano di avere a che fare con un medico, posticipando sempre di più visite e terapie. Tuttavia, oggi sappiamo bene che anche piccoli ritardi potrebbero procurarci seri danni alla salute. E spesso, tornare indietro, non è possibile. Ecco il motivo per cui, all’estero vengono erogati dei piccoli incentivi per che possono spingerci a sottoporci a tutte le cure di cui abbiamo bisogno. E presto tutto questo potrebbe essere realtà anche in Italia.

Chi vuole farsi curare?
Probabilmente se abbiamo solo un po’ di tosse, un raffreddore o qualche linea di febbre, abbiamo ancora voglia di andare dal medico. Ma se ogni volta che ci rechiamo da lui ci carica di medicine ed esami, tutto questo desiderio di muoverci da casa, svanisce – specie se si considerano gli enormi costi. Per non parlare di tutti quei pazienti che soffrono di malattie croniche o, peggio, tumori, le quali si vedono costrette a sottoporsi a terapie devastanti. A volte più della stessa malattia. Però potrebbe esserci un piccolo premio per tutte queste persone - se accettano di farsi curare come si deve.

Una piccola somma in denaro
E’ una sorta di bonus, elargito sotto forma di denaro. Si tratta di una soluzione ben nota in molti paesi dell’America Latina ma che, grazie a «Lifepath», un progetto di ricerca sostenuta dalla commissione Europea, presto arriverà anche in Italia. Il contributo economico, è importante sottolineare, che è strettamente vincolato a un impegno di tipo socio-sanitario. Questa potrebbe essere una soluzione utile anche - e soprattutto – alle persone gravemente colpite dalla crisi economica. Sono molte le famiglie, infatti, che non eseguono le cure necessarie proprio per mancanza di denaro.

Cosa deve garantire la famiglia
La famiglia che riceve il bonus deve fornire alcune garanzie: la frequenza scolastica, l’impegno professionale da parte degli adulti e l’uso dei servizi sanitari a scopo preventivo. Tra questi, ricordiamo anche le vaccinazioni.

Per cosa servirà il bonus
Il bonus potrà essere utilizzato per effettuare cure odontoiatriche, garantendo almeno due visite all’anno. Si sa, infatti, che uno dei più comuni tagli della spesa familiare è relativo al dentista. Quindi, se ci tenete a rimanere in forma e in salute, grazie al contributo offerto dalla banca Mondiale e altre istituzioni finanziare internazionali, potrete finalmente prendervi cura di voi.

Cos’è il progetto Lifepath
«Lo scopo del progetto LIFEPATH – si legge sul sito - è studiare i percorsi biologici che sottendono le differenze sociali nell'invecchiamento in buona salute. Per raggiungere tale scopo, i membri di LIFEPATH affronteranno quattro obiettivi specifici:

1)      Dimostrare che l'invecchiamento in buona salute è un obiettivo realizzabile per la società, poiché è già sperimentato da individui di elevato status socio-economico (SES);

2)      migliorare la comprensione dei meccanismi attraverso i quali percorsi di invecchiamento sano divergono dal SES, studiando percorsi biologici del corso della vita utilizzando tecnologie omiche;

3)      Esaminare le conseguenze dell'attuale recessione economica sulla salute e la biologia dell'invecchiamento (e il conseguente aumento delle disuguaglianze sociali);

4)      Fornire prove aggiornate, pertinenti e innovative per politiche di invecchiamento in buona salute.

Un concetto chiave per lo sfondo del progetto – prosegue LifePath è l'idea di salute come traiettoria, con una importante eterogeneità tra gli individui fortemente legati alle loro circostanze ambientali e sociali. Questo modello di traiettoria di vita implica un'epidemiologia del corso della vita basata su una fase di formazione, che inizia nella prima fase della vita, seguita da una fase di declino. Nel corso del tempo, SES è uno dei più forti predittori dello sviluppo e della conservazione della buona salute e delle malattie e disabilità future della vita. Le esposizioni a particolari eventi della vita (es. Stress psicosociale) o condizioni socio-economiche possono avere un impatto a lungo termine, che può essere esercitato attraverso diversi percorsi biologici, compresi quelli immunologici e infiammatori.