20 ottobre 2018
Aggiornato 18:30

Risolto il mistero dello 'schiocco' delle nocche

Gli scienziati rivelano che a fare il rumore dello schiocco, o scrocchio, è il collasso delle bolle di fluido delle giunture
Mani e dita che scrocchiano
Mani e dita che scrocchiano (Kay_MoTec | shutterstock.com)

PARIGI – Avete presente quello schiocco che si avverte quando si torcono o si allungano le dita? Se qualcuno si è domandato il perché di tutto ciò, gli scienziati avrebbero una risposta. Dopo un secolo di ricerche, avrebbero infatti finalmente risolto il mistero di che cosa causi il caratteristico schiocco delle nocche delle dita, come si legge in uno studio dell'Ecole Polytechnique di Parigi e della Stanford University pubblicato su Scientific Reports.
Precedenti ricerche avevano suggerito che il collasso delle bolle potesse generare il rumore come di crack, ma altri ricercatori hanno sostenuto che sono i cambiamenti di pressione a produrre il suono.

Il collasso delle bolle
A causare lo ‘scoppio’ è il collasso delle microscopiche bolle di fluido che lubrificano le giunture delle mani: anzi, in realtà ne basta una sola per generare il rumore caratteristico – e anche un collasso solo parziale sarebbe sufficiente.
Questa formazione di bolle è nota come cavitazione – ha spiegato Vineeth Chandran Suja, un dottorando in ingegneria chimica presso la Stanford University che studia la dinamica delle bolle – e si verifica quando il liquido sinoviale liquido che lubrifica le articolazioni viene separato, creando un'improvvisa diminuzione della pressione e uno spazio pieno di gas risultante. Nel caso delle articolazioni, il gas è di circa l'80% di anidride carbonica.