2 giugno 2020
Aggiornato 14:00
Scorta di latte di Nia Malika

Neomamma preleva 30 litri di latte materno prima di tornare al lavoro: la foto è virale

Una neomamma preleva con il tiralatte ben trenta litri del suo latte: la scorta è essenziale per il suo ritorno al lavoro. Immortala la figlia attorniata dalle confezioni e la foto diventa virale

Una foto che è diventata virale nel giro di poche ore è quella che ritrae una splendida bambina attorniata da un cuore interamente realizzato con confezioni di latte materno. A segnalarlo per primo è stato il quotidiano inglese The Independent che ha riportato la bellissima foto, frutto di molta fatica e perseveranza di una neomamma.

Trenta litri di latte
Vi sembrano tanti trenta litri di latte materno? E infatti lo sono. Ma per ottenerne simili quantità bisogna imparare a prendere il latte continuamente e con metodo, affinché anche l’organismo impari a produrne in quantità nettamente maggiori. Ed è proprio questo il lavoro che ha fatto la giovanissima mamma inglese. Il suo scopo era prepararsi per tempo: doveva rientrare alla normale routine lavorativa e doveva lasciare del latte – il suo latte – nelle mani delle persone che nei giorni seguenti avrebbero dovuto accudire la sua piccola.

Una riserva di quasi trenta litri
Nia Malika, questo il nome della neomamma, nei prossimi giorni potrà tornare al lavoro tranquilla e serena grazie alla riserva di latte che lei stessa ha prodotto. E stiamo parlando in totale, di 28 litri di latte. Gli stessi confezionati uno a uno e poi utilizzati per circondare la piccola con un cuore – come si vede nella foto.

Una dieta rigida
Recentemente, sulla pagina Facebook denominata Breastfeeding Mama Talk, Nia ha spiegato il suo segreto: ha aggiunto nella dieta molti snack e pasti pensati proprio per aumentare la produzione di latte, tra cui anche farina di avena a colazione. Un altro piccolo trucco, racconta la donna, è quello di bere grandi quantità di acqua. Secondo quanto riferito da lei sono stati questi accorgimenti a permetterle di mettere da parte quasi trenta litri di latte e, nello stesso momento, sfamare la neonata. Il tutto in soli due mesi.

Un lavoro metodico
Si sa che quando c’è l’impegno nella vita, si riesce ad ottenere tuto (o quasi). E pare che Nia sia proprio riuscita nel suo intento. In questi due mesi, infatti, è riuscita a raccogliere 29 litri di latte attaccandosi al tiralatte ogni tre ore, con la precisione di un orologio svizzero. Pare che non abbia mai saltato neppure un turno, persino nel bel mezzo della notte. «Quando la gente mi dice che sono fortunata per avere questa scorta - racconta - gli dico che ho lavorato duramente per averla e continuerò a farlo». Che dire? Si spera che molte altre donne prendano spunto dal coraggio, dall’impegno e dai sacrifici che la neomamma ha fatto per la sua piccola, fin dai primissimi giorni di vita.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal