28 ottobre 2020
Aggiornato 14:30
Aveva un tumore al polmone

Ha un aspetto sano, così i dottori non le diagnosticano il cancro al polmone

Vicky Veness una ragazza inglese, personal trainer, aveva un cancro al polmone che non le è stato diagnosticato perché la sua faccia era quella di una persona sana. Lei allora ha condiviso la sua foto scattata poco prima di essere sottoposta alla visita

REGNO UNITO - Vicky Veness di Cheltenham (UK) conduceva una vita sana e attiva, praticava regolarmente sport (è un personal trainer), non fumava e seguiva una dieta altrettanto sana. Per tutti questi motivi anche il suo aspetto era sano, riporta il tabloid inglese Metro. Ecco perché quando si è recata dal medico perché non si sentiva bene, le è stato detto che probabilmente si trattava solo di asma. Il suo aspetto sano non faceva pensare che invece aveva un cancro al polmone di stadio 4. La diagnosi corretta è infine giunta ben 18 mesi dopo la prima visita. Ora lei sta combattendo contro la malattia che poteva essere individuata in tempo.

Mai fermarsi al primo parere
Quello di non fermarsi mai al primo parere è un credo piuttosto diffuso, e la storia di Vicky ne è la conferma. Lei stessa, dopo la sua disavventura, invita le persone a interrogare più medici e a cercare di andare a fondo delle cose, anche se all’apparenza sembrano altre. L’importante è ottenere tutte le risposte del caso. Sulla sua pagina Facebook ha scritto: «Voglio solo avvisare che questo leggendo questo post si potrebbe essere turbati. Questa foto è stata scattata poche ore prima che mi venisse diagnosticato un cancro al polmone a stadio 4. Ho 30 anni, sono un personal trainer, podista, non fumatrice e mangio sano. Quando hai il cancro – aggiunge Vicky – non si vedrà necessariamente dall’esterno. I sintomi potrebbero essere molto più impercettibili e mostrarsi solo occasionalmente. Purtroppo i miei sintomi sono stati liquidati come asma da molti medici generici. La morale della storia è questa, se ti senti male per qualunque motivo, non importa quanto sciocco tu possa pensare possa essere, vai dal tuo medico, chiedi tutto e continuare a tornare fino a quando non otterrai le risposte che ti servono. Questa è stata la settimana più emotiva e fisicamente impegnativa della mia vita, ma ora è il momento di combattere».
Il cancro al polmone è uno tra i principali big killer, dopo le malattie cardiovascolari, che provoca almeno 1,6 milioni di morti all’anno. Ancora oggi, l’arma più efficace è la prevenzione, ma anche la diagnosi precoce che, nel caso di Vicky Veness è venuta a mancare. Ecco perché l’appello della ragazza è importante: non fermarsi mai alle apparenze, ma andare sempre a fondo – specie se si ha qualche sospetto, non ci si spiega bene il perché si sta male e si ha un dimagrimento improvviso e insolito.