30 marzo 2020
Aggiornato 19:00
Donazione organi e trapianti

Perugia, altra morte salva la vita a tre persone. I nuovi trapianti in poche ore

Dopo la paziente deceduta per aneurisma, un’altra donna morta per emorragia cerebrale dona gli organi e salva altre tre persone: espiantati fegato e reni

Diversi trapianti d'organi in poche ore a Perugia
Diversi trapianti d'organi in poche ore a Perugia Shutterstock

PERUGIA – Sono passate poche ore dalla donazione degli organi di una donna deceduta il 03 agosto, che all’Ospedale di Perugia c’è stato un altro espianto. Un’altra donna, deceduta nel reparto rianimazione del S. Maria della Misericordia per emorragia cerebrale, ha donato fegato e reni, che hanno consentito di salvare la vita a tra persone, in attesa degli organi. Dopo il decesso, i familiari della donna hanno acconsentito al prelievo – avvenuto nella notte fra venerdì e sabato – e così il fegato è stato portato all’Ospedale di Modena, mentre i reni sono ‘andati’ a due pazienti umbri. Poche ore prima erano stati espiantati cuore e polmoni da un’altra giovane donna morta per aneurisma.
Il nuovo espianto è stato eseguito nella notte da una équipe multidisciplinare che opera a stretto contatto con il centro Trapianti e con il coordinamento della Rianimazione, diretta da Giampaolo Rinaldoni – riferisce l’ufficio stampa dell’Azienda ospedaliera. Per i diversi interventi – di espianto e trapianto – hanno fatto parte del team anche i chirurghi Adolfo Petrina, Francesco Pensi, Enrico Papi, Gianfranco Carlini, con gli anestesisti Chiara Fiandra e Lida Peruzzi. Per il caso di cuore e polmoni espiantati dall’altra paziente, sono intervenuti anche i chirurghi Christian Monterosso della Cardiochirurgia di Pavia e Alessandro Rebusso della Chirurgia Toracica di Padova.

In buone condizioni
I trapianti di reni eseguiti suo pazienti umbri sono andati bene, come riferisce il bollettino medico diffuso dal dottor Emidio Nunzi, Direttore della Struttura Complessa di Nefrologia. L’ufficio stampa del S. Maria della Misericordia, riferisce infatti che «Le condizioni dei pazienti trapiantati sono soddisfacenti, presentando una valida funzionalità renale».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal