31 marzo 2020
Aggiornato 05:00
Mestruazioni irregolari per il 15 per cento delle adolescenti

Teenager senza ciclo per via di stress e diete. L’allarme dei ginecologi

Adolescenti senza ciclo. Definita «una nuova malattia dell’era moderna», le irregolarità mestruali anche gravi colpiscono il 15 per cento delle adolescenti. I ginecologi lanciano l’allarme.

ROMA – Sempre più teenager senza ciclo mestruale. Sono le adolescenti affette da quella che i ginecologi hanno definito «una nuova malattia dell’era moderna». Un disturbo che può avere conseguenze anche gravi e invalidanti. Le cause? Diete (sbagliate), stile di vita, sport e stress.

Un disturbo in crescita
Quello dei disturbi mestruali è un problema in costante crescita, che vede un picco nel Ventunesimo secolo. A oggi, secondo le stime, colpisce almeno il 15 per cento delle adolescenti. Tra le maggiori cause vi sono lo scorretto stile di vita legati, lo stress, le diete (troppo) drastiche e sbagliate e anche l’eccesso di attività sportiva.

Ginecologi in allarme
I ginecologi hanno lanciato l’allarme, in particolare per le ragazze nella fascia di età compresa tra i 16 e i 25 anni. Ma venirne fuori è ancora possibile. In questi casi, spiega il dottor Andrea Genazzani, ginecologo: «Le teenager vengono sottoposte a una terapia ormonale sostitutiva mirata a facilitare la ripresa funzionale a livello ormonale, ma è fondamentale che la terapia sia personalizzata e anche affiancata da un supporto psicologico».

La sindrome dell’ovaio policistico in agguato
Tra le varie complicanze di questa condizione vi è la cosiddetta policistosi ovarica. È una malattia «caratterizzata da aumento di peso e della massa muscolare e il cui sintomo primario è sempre l’irregolarità del ciclo – ha sottolineato Genazzani – In questo caso, la causa principale è l’età avanzata in cui si arriva alla prima gravidanza. Tra le cause c’è anche un’alimentazione troppo ricca di carboidrati e zuccheri».

Un congresso ricco di argomentazioni
Si svolgerà a Firenze dal 2 al 5 marzo 2016, il 17esimo Congresso della Società internazionale di ginecologia endocrinologica. Molti saranno gli argomenti in programma, con un focus particolare sul ruolo della contraccezione, che è ormai considerato «non più solo uno strumento per impedire gravidanze indesiderate, ma anche «terapia» per la cura di varie malattie ginecologiche come, per esempio, l’endometriosi», sottolineano i ginecologi.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal