13 agosto 2020
Aggiornato 16:30
Emergenza coronavirus

Vito Crimi: «Crisi europea e globale. Se qualcuno pensa di salvarsi da solo, non andrà lontano»

Il capo politico del MoVimento 5 Stelle: «Condizioni Mes odiose, trovare nuovi strumenti più efficaci e condivisi. Solo così riusciremo a costruire insieme la migliore comunità europea possibile»

Vito Crimi, capo politico del MoVimento 5 Stelle
Vito Crimi, capo politico del MoVimento 5 Stelle ANSA

ROMA - «Questa emergenza non riguarda solo l'Italia, ma è comune a tanti Paesi europei e del mondo. Un'emergenza che ha drammaticamente svelato tutta la fragilità di quegli strumenti che erano stati pensati dalle economie forti per controllare le politiche economiche dell'Unione. Stiamo affrontando una crisi globale: o ci salviamo tutti insieme, o affonderemo tutti insieme. Mi auguro che questo sia chiaro a tutti. E se qualcuno pensa di riuscire a salvarsi da solo, non andrà lontano. Mi fa sinceramente piacere, infine, che anche il presidente dell'Europarlamento David Sassoli abbia riconosciuto quanto le condizionalità del Mes siano state spesso odiose. Occorre trovare nuovi strumenti, più efficaci e condivisi. Solo così riusciremo a costruire insieme la migliore comunità europea possibile, che metta finalmente al centro i diritti e le esigenze dei cittadini». Lo scrive su Facebook il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi, facendo riferimento a un appello pubblicato sulla rivista Micromega e rivolto ai vertici della UE e alla BCE.

Crimi: «Inaccettabili eurobond con condizionamenti»

«In queste ore si sente molto parlare di Mes e di Eurobond, o meglio Covidbond. Oltre alle misure già messe in campo dall'Unione, il Movimento 5 Stelle concorda rispetto all'eventuale emissione di bond europei che consentano la suddivisione del rischio e la distribuzione solidale del debito, appoggiandosi al bilancio europeo. Ma non accetteremo mai che quei bond si trasformino in una forma di condizionamento, anche indiretta, sulle scelte di politica economica del nostro Paese, o penalizzanti per i nostri titoli».

«Non siamo disposti ad accettare l'idea di emissione di titoli 'senior', cioè di titoli che prevedono priorità assoluta nel rimborso, perché metterebbero sotto forte pressione i nostri Btp, sollecitando lo spread e condizionando profondamente il nostro Paese. Se dietro le varie proposte di utilizzo del Mes si dovesse annidare questa strategia, noi ci opporremo sia all'emissione di titoli 'senior' sia a qualunque forma di condizionalità».

M5s: «Stop sanzioni Iran, Siria, Venezuela, Cuba»

«Rivolgiamo un accorato appello alla comunità internazionale, Stati Uniti in testa, per l'adozione di una moratoria umanitaria delle sanzioni economiche che impediscono ai governi di diverse nazioni di fronteggiare adeguatamente l'emergenza Coronavirus, provocando morte e sofferenza evitabili e creando focolai pericolosi per tutto il mondo. Vanno immediatamente sospese le sanzioni nei confronti dell'Iran, in piena crisi pandemica, della vicina Siria, già in ginocchio per la guerra e a rischio ecatombe in caso di contagio, del Venezuela, dove i casi sono in rapido aumento, di Cuba, che nonostante l'embargo si prodiga per aiutare altri Paesi come l'Italia, e anche della Corea del Nord, dove il regime nega un contagio che non sarebbe in grado di fronteggiare». Lo dichiarano in una nota congiunta i parlamentari del Movimento 5 Stelle delle commissioni Affari Esteri di Camera e Senato.